Stromboli, nuova forte esplosione dal cratere: flusso piroclastico lungo la Sciara del fuoco [FOTO e VIDEO]

Il fenomeno, ben visibile a tutte le stazioni sismiche di Stromboli, è stato caratterizzato da una sequenza di eventi esplosivi

/
MeteoWeb

Nuova forte esplosione dal cratere dello Stromboli.
L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, ha reso noto che alle ore 10:17, attraverso le telecamere di sorveglianza, “è stata osservata una esplosione di maggiore intensità dall’area centro-meridionale. I prodotti emessi sono ricaduti abbondantemente lungo la sciara del fuoco.
Dal punto di vista sismico il fenomeno, ben visibile a tutte le stazioni sismiche di Stromboli, è caratterizzato da una sequenza di eventi esplosivi e di frana iniziata alle 10:17 per una durata di 4 minuti. Per quanto riguarda l’ampiezza del tremore vulcanico non si segnalano variazioni significative.”

stromboliIl Laboratorio Geofisica Sperimentale dell’Università di Firenze ha comunicato che, alle 10:17:48, “la rete di monitoraggio geofisico ha registrato un evento esplosivo molto forte, associato a parametri geofisici (sismici, deformazione del suolo e pressione acustica) al di sopra della attività esplosiva ordinaria e compatibili con un evento esplosivo Maggiore.
L’evento sismico (6.7×10-4 m/s in velocità e 0.25 x10-4 m in spostamento) supera di oltre un ordine di grandezza i valori dell’attività ordinaria.
La rete infrasonica indica che l’esplosione ha generato pressioni di 562 Pa a 450 m di distanza ed ha localizzato l’evento esplosivo nel settore relativo al cratere Centrale.
Questo evento è stato accompagnato da un forte segnale di deformazione del suolo (0.7 µrad nella Rina Grande al tiltmetro OHO), preceduto di circa 3 minuti da una chiara inflazione del suolo.
Dalle immagini delle telecamere termiche e visibili si osserva una significativa emissione di materiale oltre la terrazza craterica ed in direzione della Sciara del Fuoco . Le immagini della telecamera di Punta Labronzo mostrano che questo evento esplosivo ha generato un flusso piroclastico lungo la sciara del Fuoco che ha raggiunto il mare.
A seguito dell’evento esplosivo non si registra una variazione significativa dell’attività esplosiva.
N.B. Il sistema di allerta delle esplosioni parossistiche era ed è tutt’ora in funzione. Questa esplosione (maggiore e non parossistica) ha superato il criterio di ampiezza (0.3 microrad) previsto dal sistema di Early – Warning Parossistico ma non quello sulla durata della inflazione del suolo che precede le esplosioni parossistiche, per cui non e’ stata superata la soglia di 0.85 prevista dal sistema automatico per far scattare il sistema di allerta”.

Il momento della seconda esplosione maggiore dello Stromboli in pochi giorni [VIDEO]

Stromboli: dopo esplosione innalzato il livello d’allerta [FOTO e VIDEO]