Tempesta tropicale Eta, il governo lancia l’allarme in Honduras: “Migliaia di persone isolate, strutture sanitarie danneggiate, strade bloccate”

"Si stima che decine di migliaia di persone siano state gravemente danneggiate da questo uragano: serve tutto: acqua, cibo, vestiti, medicine, barche per assistere le vittime"

  • Foto Getty Images/Yoseph Amaya
    Foto Getty Images/Yoseph Amaya
  • Foto Getty Images/Yoseph Amaya
    Foto Getty Images/Yoseph Amaya
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
    Foto di Yoseph Amaya / Getty Images
  • Foto Getty Images/Yoseph Amaya
    Foto Getty Images/Yoseph Amaya
  • Foto Getty Images/Yoseph Amaya
    Foto Getty Images/Yoseph Amaya
/
MeteoWeb

La tempesta tropicale Eta ha interessato direttamente 1,6 milioni di persone in tutto l’Honduras, colpendo “la maggior parte dei 18 dipartimenti dell’Honduras, dove vivono circa 3,3 milioni di donne e bambini che attualmente non possono contare neanche sui servizi sanitari che sono stati interrotti a causa della situazione”, aggravata dall’emergenza del nuovo coronavirus. Dopo essersi abbattuta sul Nicaragua, dove ha causato la morte di almeno 24 persone, Eta ha raggiunto l’Honduras costringendo almeno 12 mila abitanti a trasferirsi in rifugi di fortuna. Lo fa sapere l’ambasciata del Paese centroamericano in Italia, segnalando che “al suo arrivo in Honduras, il ciclone si e’ lentamente trasformato in una tempesta tropicale, ma ha continuato la sua opera devastatrice causando inondazioni fatali”.

Nella nota si cita a titolo di esempio il dipartimento di Corte’s (nel nordovest dell’Honduras), in cui “la maggior parte delle strutture sanitarie e’ stata chiusa per danni, lesioni al personale sanitario e blocchi stradali“. Il numero delle vittime e dei danni causati “e’ ancora incerto, molte persone risultano disperse e molte comunita’ non possono comunicare a causa del collasso delle strade. Eta ha provocato scene drammatiche di persone che vengono trascinate dalla forza dei fiumi, straripati a causa delle piogge, e di altre che cercano di mettersi in salvo dall’acqua che supera l’altezza della vita. Ci sono ancora migliaia di persone che si trovano isolate e stanno aspettando di ricevere aiuti. Molti luoghi in cui si trovano i sopravvissuti posso essere raggiunti solo in barca, ma non ce ne sono abbastanza. Tuttavia i pescatori delle comunita’ vicine si sono messi a disposizione e si sono mobilitati per aiutare queste persone che cercano disperatamente aiuto. A nord dell’Honduras, alcune delle zone piu’ colpite sono i quartieri del comune di La Lima e San Pedro Sula, il cui aeroporto e’ stato completamente allagato. In queste localita’ serve tutto: acqua, cibo, vestiti, medicine, barche per assistere le vittime, considerando che l’80 per cento del territorio menzionato e’ danneggiato. Le squadre di soccorso della Protezione Civile di Honduras – COPECO – hanno svolto un lavoro eroico, che questo venerdi’ e’ stato rafforzato con del personale e maggiori attrezzature come barche ed elicotteri per cercare di salvare i sopravvissuti e raggiungere aree di difficile accesso. Migliaia di persone si trovano in alberghi e alcune di loro hanno perso tutto cio’ che avevano. Non esiste ancora un bilancio ufficiale, tuttavia si stima che decine di migliaia di persone siano state gravemente danneggiate da questo uragano”.

Considerata la gravita’ della situazione, l’Honduras si e’ rivolto a tutta la comunita’ internazionale affinche’ fornisca assistenza economica ed umanitaria al paese. Per coloro che vogliano informazioni su come aiutare le persone colpite dalla tormenta tropicale Eta, possono rivolgersi all’Ambasciata di Honduras attraverso: Tel: +39 06 62287544 / +39 06 62287545.