Valtellina, dopo il Dpcm fuga in montagna per il lockdown

"In tanti preferiscono trascorrere il nuovo periodo di reclusione in montagna anziche' in citta' chiusi in case talvolta avvolte dalla nebbia"

MeteoWeb

Sono tanti i turisti che, prima delle nuove norme restrittive per l’istituzione della zona rossa, in Valtellina e Valchiavenna hanno raggiunto le seconde case di proprietà a Bormio, Aprica, Valmalenco, Madesimo e nelle altre localita’ montane di villeggiatura. Lo si nota dalle finestre aperte di residence e case di villeggiatura e dai posti auto occupati nei centri abitati, quelli solitamente esauriti nei periodi di vacanze estive e invernali. “In tanti preferiscono trascorrere il nuovo periodo di reclusione in montagna anziche’ in citta’ chiusi in case talvolta avvolte dalla nebbia“, dicono dal Comune di Bormio guidato dal sindaco Roberto Volpato.