Allerta meteo: nubifragi su Roma e nel Lazio, picchi di 150-200mm di pioggia. Immacolata di maltempo su gran parte d’Italia

Allerta Meteo: ciclone sul medio-alto Tirreno e intensi fronti soprattutto verso il Centro, Campania e altri sulle regioni settentrionali, qui con neve tra 600 e 1000 metri. I dettagli

MeteoWeb

E’ in atto, oramai, dalle ore serali di ieri e ancor più notturne appena trascorse, il nuovo intenso peggioramento del tempo sull’Italia. Le piogge più significative hanno interessato e stanno interessando ancora soprattutto le regioni centro-settentrionali, in particolare il Lazio e la Toscana, dove ci sono stati accumuli anche intorno ai 50/60 mm, ma ricorrenti al Centro Nord sui 20/30/40 mm. Il maltempo continua su queste aree, con piogge, rovesci e temporali, in queste ore, ancora moderati o forti segnatamente sul Lazio, in Umbria,  altre di buona intensità più a Nord, sull’Emilia, sulla Lombardia, soprattutto centro-meridionale, su gran parte del Veneto, Venezia Giulia, alto Adriatico in mare. Fenomeni diffusi ma più irregolari sul resto del Centro Nord e sulla Sardegna.

 

Va meglio al Sud, ma peggiorerà anche in maniera significativa sulla Campania e piogge irregolari arriveranno anche su alcuni altri settori meridionali. Nella mappa allegata, le piogge e gli accumuli previsti per le prossime ore e fino alla mezzanotte. Già dalle ore tardo mattutine e poi di più verso quelle centrali pomeridiane, fronti perturbati da Ovest, raggiungeranno anche la Campania con rovesci e temporali diffusi, forti su Casertano, Napoletano, Salernitano, anche con rischio di qualche allagamento lampo. Ma attenzione alla persistenza del maltempo forte soprattutto sul Lazio, in particolare centro-meridionale e interno, qui probabilmente con i fenomeni più insistenti e violenti e possibili accumuli finali, entro la mezzanotte prossima, anche fino a 150/200 mm, in particolare tra il Frusinate e la provincia meridionale di L’ Aquila, localmente anche sulla provincia di Latina.  Attesi temporali forti anche sulla Capitale fino a 40/60 mm di accumulo e rischio allagamenti lampo, medesimo rischio e accumuli anche tra Casertano, Napoletano, Ovest/Nordovest Salernitano. Neve forte sull’Appennino centrale a 1.400/1.600 m, neve moderata o a tratti forte su Alpi e Prealpi centro-orientali tra 500 e 1000 m, localmente a quote più basse. Piogge diffuse sulla Sardegna, soprattutto centro-meridionale, e poi piogge e rovesci irregolari sulla Lucania e sulla Puglia. Pochi fenomeni sul resto del Sud, se non qualcuno irregolare sulla Sicilia e sulla Calabria ionica e meglio anche su alcuni settori del medio Adriatico. Attenzione ai venti, in prevalenza forti di Libeccio o meridionali su gran parte dei settori peninsulari centro-meridionali e sul Tirreno; forti di Maestrale o da Ponente sui bacini sardi e sull’isola, forti di Scirocco sull’Adriatico, moderati con rinforzi da Nordest sulle aree centro-orientali del Nord.

Maltempo a Roma, il Tevere comincia ad ingrossarsi [VIDEO]

Di seguito le pagine per monitorare la situazione in tempo reale ecco le immagini di radar, satelliti e fulminazioni in diretta: