Un anno di scienza nello Spazio: anche l’Italia protagonista sulla ISS

La NASA ha fatto il punto sui risultati della ricerca scientifica raggiunti nello Spazio, grazie alla Stazione Spaziale Internazionale

MeteoWeb

In vista di fine anno, la NASA ha fatto il punto sui risultati della ricerca scientifica raggiunti nello Spazio, grazie alla Stazione Spaziale Internazionale.
L’Agenzia USA ha riportato i dati raccolti durante gli ultimi 20 anni di costante abitazione umana a bordo del laboratorio orbitante: tra il primo ottobre 2019 e il primo ottobre 2020, ad esempio, il Program Research Office della ISS ha pubblicato più di 300 titoli basati sulla ricerca nella base spaziale.
Tra i progetti che hanno raggiunto l’obiettivo prefissato, figura anche quello avviato nel 2015 dal team guidato da 3 scienziati italiani ed eseguito dall’astronauta dell’ESA Samantha Cristoforetti: 5inque anni dopo, il team guidato da sole donne ha ora pubblicato i risultati sulla rivista scientifica Scientific Reports.
Il progetto Nanoparticles and Osteoporosis dell’ASI ha studiato un tipo di nanoparticella composta da minerali simili a quelli presenti nelle ossa e nei denti, che potrebbero aiutare a contrastare la perdita di densità ossea: è stato scoperto che il nuovo sistema di somministrazione dei farmaci ha effetti benefici sull’induzione delle cellule staminali a diventare osteoblasti, le cellule responsabili della formazione ossea. I risultati potrebbero aprire la strada a trattamenti per combattere la degenerazione ossea durante i voli spaziali di lunga durata, o anche per curare l’osteoporosi sulla Terra.