Inediti appunti di Isaac Newton rivelano i suoi tentativi di scoprire il codice segreto delle piramidi

"Questi sono documenti davvero affascinanti perché in essi puoi vedere Newton che cerca di elaborare i segreti delle piramidi"

MeteoWeb

È il matematico che ha gettato le basi della fisica classica, ha formulato le leggi del moto e la legge di gravità e rimane l’epitome dell’età della ragione. Ma le segrete ossessioni di Isaac Newton per l’alchimia e oscuri rami della teologia, che vennero alla luce solo 200 anni dopo la sua morte, rivelano un altro lato dell’uomo che ha contribuito a plasmare il mondo moderno.

Ora note inedite che mostrano i tentativi di Newton di sbloccare codici nascosti nella Bibbia e determinare i tempi dell’apocalisse vengono vendute da Sotheby’s . Si prevede che tre pagine di scarabocchi sulle piramidi egizie, che Newton riteneva contenessero la chiave di segreti profondi, dovrebbero raccogliere centinaia di migliaia di sterline quando le offerte online si chiuderanno martedì.

In una variazione su “il cane ha mangiato i miei compiti”, le note sono bruciate da un incendio apparentemente causato dal segugio di Newton, Diamond, che salta su un tavolo e rovescia una candela.

Questi sono documenti davvero affascinanti perché in essi puoi vedere Newton che cerca di elaborare i segreti delle piramidi“, ha detto a The Observer Gabriel Heaton, specialista di manoscritti di Sotheby . “È una meravigliosa confluenza di riunire Newton e questi grandi oggetti dell’antichità classica che hanno affascinato le persone per migliaia di anni. Gli articoli ti portano rapidamente al cuore di una serie delle domande più profonde su cui Newton stava indagando”.

Newton studiò le piramidi nel 1680, durante un periodo di esilio accademico autoimposto a Woolsthorpe Manor nel Lincolnshire, lontano dalla sua base all’Università di Cambridge, in seguito alle critiche del suo lavoro da parte del suo rivale Robert Hooke della Royal Society. Newton stava cercando di scoprire l’unità di misura usata da coloro che costruivano le piramidi. Pensava che fosse probabile che gli antichi egizi fossero stati in grado di misurare la Terra e che, sbloccando il cubito della Grande Piramide, anche lui sarebbe stato in grado di misurare la circonferenza della Terra.

Sperava che questo lo avrebbe portato ad altre misure antiche, permettendogli di scoprire l’architettura e le dimensioni del Tempio di Salomone – l’ambientazione dell’apocalisse – e interpretare i significati nascosti della Bibbia. “Stava cercando di trovare prove per la sua teoria della gravitazione, ma in aggiunta si pensava che gli antichi egizi contenessero i segreti dell’alchimia che da allora sono stati persi”, ha detto Heaton. “Oggi, queste sembrano aree di studio disparate, ma a Newton nel XVII secolo non sembravano così”.

Newton mantenne per sé la sua ossessione per l’alchimia e le sue credenze religiose eterodosse – un rifiuto della dottrina della Trinità. Questo non perché temesse che la sua fede potesse screditare il suo lavoro scientifico, o viceversa, ma perché le sue opinioni poco ortodosse gli sarebbero costate la carriera.

Sebbene la sua reputazione si basasse sulle sue scoperte matematiche e scientifiche, per Newton queste erano secondarie ai suoi studi “maggiori” di alchimia e teologia. Un deposito di manoscritti su questi argomenti emerse da Sotheby’s nel 1936; alcuni di essi furono acquistati dall’economista e devoto di Newton John Maynard Keynes, che descrisse il suo eroe come “l’ultimo dei maghi“.

Heaton ha detto: “L’idea che la scienza sia un’alternativa alla religione è un moderno insieme di pensieri. Newton non avrebbe creduto che il suo lavoro scientifico potesse minare la fede religiosa. Non stava cercando di confutare il cristianesimo: questo è un uomo che ha passato molto tempo a cercare di stabilire il probabile periodo di tempo per l’apocalisse biblica. Ecco perché era così interessato alle piramidi”.

La Philosophiae Naturalis Principia Mathematica di Newton , pubblicata nel 1687, consolidò il suo status di superstar scientifica. Il culmine di decenni di lavoro e pensiero, il magnum opus ha delineato le sue teorie di calcolo e gravitazione e le leggi del movimento, fornendo una nuova comprensione dell’universo. Pochi anni dopo Newton ebbe un grave esaurimento, ma si riprese per essere eletto deputato e nominato maestro della zecca. Divenne anche presidente della Royal Society. Dopo la sua morte nel 1727, ricevette un funerale di stato e fu sepolto con tutti gli onori nell’Abbazia di Westminster.

Era un “individuo spinoso, sempre pronto per una faida“, ha detto Heaton. Altri lo hanno descritto come riservato, nevrotico, dispettoso, vendicativo, spietato, arrogante, ossessivo e paranoico. “Gli piaceva pensare a se stesso come il nuovo messia, venuto per salvare il mondo”, secondo la professoressa Patricia Fara, storica della scienza all’Università di Cambridge. Ma il genio di Newton è indiscusso. “A tutto ciò che ha studiato, a tutto ciò che ha toccato – religione, fisica, matematica, alchimia, chimica – ha apportato un’incredibile profondità, complessità e originalità”, ha detto Heaton.

È probabile che i giornali vengano acquistati da un collezionista privato, sebbene anche le biblioteche istituzionali possano fare offerte. “C’è un enorme interesse per i libri e i manoscritti scientifici: è l’area di maggiore crescita che ho visto negli ultimi 10 o 15 anni”, ha detto Heaton. “Abbiamo atteggiamenti complessi nei confronti di molti personaggi storici, ma i grandi eroi della scienza sono ancora più alti che mai”.