L’astronauta Parmitano: “Tra le cause di questa pandemia anche le nostre interferenze con il mondo animale”

L'astronauta Luca Parmitano: "Il mio pensiero va a chi è affetto da questa pandemia da un punto di vista economico e di isolamento"

MeteoWeb

C’è una forte connessione tra tutto ciò che è vivente, i nostri eccessi, da un punto di vista delle risorse, di come le utilizziamo, di come le sprechiamo, di come influenziamo e interferiamo anche con il mondo animale, sono tra le cause di questa pandemia. Dobbiamo rispettarlo ed esserne una parte integrante e non sopraffare un equilibrio“: lo ha affermato l’astronauta Luca Parmitano intervistato questa mattina su RTL 102.5. “Il 2020 è cominciato che stavo ancora in orbita sulla Stazione Spaziale Internazionale e sono rientrato il 6 febbraio quando il mondo ancora sembrava normale. Poi anche per me è cominciato un periodo fortemente anormale in cui ero con la mia famiglia a sud di Houston, dove quello che ha determinato la pandemia non ci ha toccato nella prima metà dell’anno in maniera particolarmente grave,” ha spiegato Luca Parmitano , ospite di “Non Stop News”, il programma condotto da Fulvio Giuliani, Giusi Legrenzi, Pierluigi Diaco ed Enrico Galletti. Parmitano ha poi aggiunto: “Poi mi sono trasferito in Germania per ricoprire il mio nuovo ruolo di capo ufficio operazioni astronautiche e sono sicuramente più colpito adesso dagli ultimi eventi. Sono lontano dalla mia famiglia che è rimasta a Houston. Sono però un privilegiato, lavoro per un’agenzia per cui sposso lavorare in remoto, non ho preoccupazione per il mio futuro immediato. Il mio pensiero va a chi invece è affetto da questa pandemia da un punto di vista economico e di isolamento“.

Parmitano ha parlato anche del futuro dell’esplorazione spaziale: “Se andate a vedere sui siti ufficiali delle agenzie spaziali non troverete mai una data, perché noi non lavoriamo con la palla di cristallo, quindi non ci piace dare una data perché non è realistico. A noi piace parlare di futuro, sicuramente le agenzie internazionali sono impegnate in un progetto di costruzione di un habitat intorno alla luna e poi speriamo di avere in futuro un habitat sulla superficie, per poterne fare esplorazione approfondita“.
Riguardo al docu-film “Space beyond” Parmitano ha aggiunto: “Né io, né i miei colleghi recitiamo, non interpretiamo nulla, siamo noi stessi, noi non siamo artisti, ma siamo operatori. Sarei pessimo come attore, io mi ritengo astronauta e come tale faccio divulgazione, lancio dei messaggi. Questo docu-film ha come protagonista lo spazio con la partecipazione degli astronauti come narratori“.