Epocale scoperta in Cina: trovata una necropoli di oltre 3.000 anni fa con 22 tombe di nobili [FOTO]

Nelle camere funerarie sono stati trovati resti di sacrifici umani e di cani, oltre che manufatti storici tra cui armi, reperti in bronzo e in giada

/
MeteoWeb

L’Ufficio provinciale del patrimonio culturale di Hebei, in Cina, ha radunato esperti nazionali per condurre un’ispezione negli scavi archeologici al cimitero di Zhoujiazhuang a Luancheng, Hebei. Il cimitero in questione era stato preliminarmente determinato come una tomba nobile risalente alla fine della dinastia Shang, riempiendo il vuoto delle scoperte archeologiche del tardo Shang nell’Hebei centrale e meridionale e collegando le scoperte archeologiche tardive Shang nella pianura della Cina settentrionale, ai piedi orientali del monte Taihang.

Il cimitero di Zhoujiazhuang si trova a circa 200 metri a sud del villaggio di Zhoujiazhuang, distretto di Luancheng, città di Shijiazhuang, provincia di Hebei, e circa 2.000 metri a est del fiume Yanhe. Alla fine del 2019, l’Istituto provinciale di archeologia e reliquie culturali di Hebei, l’Istituto di ricerca sulla conservazione delle reliquie culturali della città di Shijiazhuang, l’Ufficio per la cultura, la radio, la televisione, lo sport e il turismo del distretto di Luancheng della città di Shijiazhuang hanno condotto congiuntamente lavori di scavo di esplorazione e salvataggio nel cimitero di Zhoujiazhuang. Ad oggi, l’area di esplorazione è di circa 400.000 metri quadrati e il sito di scavo di prova è di 300 metri quadrati.

Nelle scorse la rivelazione: è stata rinvenuta una grande necropoli. Si ritiene, in via preliminare, che ospitasse una serie di nobili vissuti nel tardo periodo della dinastia Shang, al potere dal 1.600 al 1.046 a.C. Dopo oltre un anno di scavi, sono state portate alla luce un totale di 22 tombe. Tra i sepolcri, di squisita fattura, rinvenuti nella zona, 17 possono essere fatti risalire alla dinastia Shang. All’interno delle camere funerarie sono stati trovati resti di sacrifici umani e di cani e anche numerosi delicati manufatti storici tra cui armi, reperti in bronzo e in giada. La scoperta della necropoli, ha spiegato Zhang Wenrui, direttore dell’Istituto provinciale cinese, assume una grande rilevanza per lo studio della storia, della geografia e dell’evoluzione politica della dinastia Shang.