Coronavirus, limitazioni per l’ingresso in Italia dal 10 dicembre: necessari tampone e quarantena di 14 giorni

Coronavirus, dal 21 dicembre al 6 gennaio ogni ingresso in Italia per motivi non di necessità sarà seguito da 14 giorni di quarantena

MeteoWeb

Nuove limitazioni per fronteggiare l’emergenza coronavirus per chi vorrà entrare in Italia durante il periodo di Natale. Fino al 9 dicembre l’ingresso dai Paesi esteri in Italia e’ consentito senza limitazioni per tutti gli Stati dell’area Schengen ad eccezione di quelli inseriti nell’elenco C (Belgio, Francia, Spagna, Regno Unito, Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Romania), per i quali e’ necessario sottoporsi al tampone massimo 48 ore prima o entro 48 ore dall’ingresso in Italia.

Dal 10 dicembre, l’entrata in Italia da tutti i Paesi dell’Ue/Schengen e’ consentita solo previa presentazione di tampone antigenico/molecolare eseguito precedentemente all’ingresso in Italia al massimo entro 48 ore prima dell’entrata. Dal 21 dicembre al 6 gennaio ogni ingresso in Italia per motivi non di necessita’ sara’ seguito da 14 giorni di quarantena. Lo ha specificato il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, precisando che le novita’ riguardano soprattutto le disposizioni in vigore dal 10 dicembre e dal 21 dicembre al 6 gennaio.

Al rientro dall’estero da qualsiasi Paese e’ obbligatorio portare con se il modulo di ingresso in Italia in cui vengono elencate le ragioni del viaggio e altre informazioni, per alcuni Paesi e’ necessario, inoltre, comunicare l’ingresso al dipartimento di Prevenzione della propria residenza. Nei prossimi giorni il ministero della Salute potra’ individuare, con apposita ordinanza, i Paesi a basso rischio epidemiologico da cui le prescrizioni sopra elencate (tampone, quarantena) non sono necessarie.