Il Dl Natale? “Non è eccessivo, dovevamo chiudere tutto ma sarebbe scoppiata una rivoluzione”

Miosso (CTS): "Con questi numeri si sarebbe dovuto chiudere tutto per tre settimane", ma "se avessimo bloccato tutto, sarebbe scoppiata la rivoluzione"

MeteoWeb

Secondo il coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Agostino Miozzo, la stretta decisa dal governo per Natale non è eccessiva: “Assolutamente no, la curva dei contagi sta peggiorando e si corre il pericolo di tornare indietro,” ha affermato in un’intervista a Il Giornale.
Miozzo ha invitato nuovamente alla cautela: “Se si allargano troppo le maglie dei permessi, a gennaio si mette a rischio tutto: la riapertura delle scuole, delle attività produttive e anche l’avvio della campagna vaccinale“.
L’esperto ha ricordato che l’andamento del contagio è stato imprevedibile, “c’è stato un peggioramento improvviso e inaspettato nel giro di una settimana“, da qui la considerazione: “Con questi numeri si sarebbe dovuto chiudere tutto per tre settimane“, ma “se avessimo bloccato tutto, sarebbe scoppiata la rivoluzione“.
I movimenti in vista delle festività “erano già in corso, non c’era altra possibilità se non quella di ricordare a tutti di usare prudenza, prudenza, prudenza“. In questi giorni “si controllano aerei e treni, ma è difficile sapere quanta gente di sposterà in auto. Di sicuro in queste settimane la curva dei contagi aumenterà“, secondo il coordinatore del CTS.