ESA, firmato il contratto per Copernicus ROSE-L: nuova missione di alta priorità per il monitoraggio ambientale

ROSE-L fornirà il monitoraggio continuo, giorno e notte e in qualsiasi condizione atmosferica, delle superfici emerse della Terra, degli oceani e del ghiaccio

MeteoWeb

ESA e Thales Alenia Space hanno firmato oggi un contratto per sviluppare una nuova missione di alta priorità per il monitoraggio ambientale, Copernicus ROSE-L (Copernicus Radar Observation System for Europe in L-band, sistema di osservazione radar per l’Europa in banda L) nell’ambito del programma europeo Copernicus. Il contratto è stato firmato alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Riccardo Fraccaro e il Direttore Generale dell’ESA, Jan Wörner.

Con un lancio previsto nel 2028, ROSE-L fornirà il monitoraggio continuo, giorno e notte e in qualsiasi condizione atmosferica, delle superfici emerse della Terra, degli oceani e del ghiaccio, offrendo immagini frequenti con un’elevata risoluzione spaziale.

Durante il suo periodo di vita di 7 anni e mezzo, la missione ROSE-L produrrà nuove informazioni che non possono essere raccolte da altri satelliti esistenti o con altri mezzi. ROSE-L consegnerà informazioni fondamentali sulla copertura forestale e del territorio, portando a un miglior monitoraggio del ciclo del carbonio terrestre e della registrazione del carbonio. La missione estenderà notevolmente anche la nostra capacità di monitorare piccoli spostamenti in superficie e sarà di aiuto nell’individuare rischi geologici. Mapperà automaticamente le condizioni dell’umidità del suolo e monitorerà il ghiaccio marino e del territorio, aiutando largamente la ricerca sul cambiamento climatico e sua mitigazione.

Con un contratto assicurato del valore di 482 milioni, Thales Alenia Space Italia è il contraente principale della missione, mentre Airbus Defence and Space Germania è responsabile per lo strumento radar. Il team industriale comprende 29 aziende (comprese 15 PMI) da 15 nazioni.

Il Direttore ESA dei Programmi di Osservazione della Terra, Josef Aschbacher, commenta: “Sono molto lieto di firmare il contratto per ROSE-L oggi. La missione non solo completerà le capacità radar dell’attuale missione Copernicus Sentinel-1, ma fornirà anche una nuova serie di misurazioni della vegetazione, del ghiaccio e dei parametri oceanici. Sarà una missione satellitare chiave per meglio comprendere il cambiamento climatico e simularne l’impatto sull’umanità”.

Il Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea, Timo Pesonen, ha commentato: “Siamo lieti di testimoniare la firma del contratto ROSE-L oggi. Ci aspettiamo che le sue caratteristiche rispondano alle diverse necessità che abbiamo identificato, in particolare nella gestione del territorio e monitoraggio degli oceani. Guardiamo con entusiasmo a dare il benvenuto alla missione ROSE-L nella Costellazione dei satelliti del programma Copernicus”.

Il contratto per la missione ROSE-L è l’ultimo di sei nuove missioni candidate di alta priorità a essere firmato. Le sei missioni Copernicus Sentinel Expansion ad alta priorità sono progettate per completare le attuali capacità delle Sentinelle e per affrontare le priorità delle politiche dell’UE e le lacune nelle necessità degli utenti Copernicus.

Fraccaro: “Firma L-ROSE garantisce crescita per Italia ed Europa”

Lo spazio rappresenta un importante volano per l’economia ed è per questa ragione che come Governo, durante la ministeriale Esa di Siviglia, ci siamo impegnati a garantire una forte presenza dell’industria italiana e degli investimenti nel campo dell’osservazione della Terra. La firma dei contratti per ROSE-L conferma il valore del nostro approccio e garantisce importanti margini di crescita non solo per l’Italia ma anche per l’Europa”. Lo ha detto, durante la cerimonia di firma del contratto per la realizzazione dei satelliti ROSE-L che si è tenuta a Palazzo Chigi, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro. Alla cerimonia erano presenti Josef Aschbacher, direttore del programma di osservazione per la Terra dell’Esa, Massimo Comparini, CEO di Thales Alenia Space Italia, e Giorgio Saccoccia, Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana.

“Siamo molto onorati di ospitare a Palazzo Chigi questa importante firma, pietra angolare nella cornice del nuovo satellite Copernicus. Il Governo – ha aggiunto Fraccaro – ha sempre creduto e sostenuto Copernicus e le sue Sentinelle perché rappresentano un ambizioso programma di Osservazione della Terra. Le sei missioni ad alta priorità saranno un elemento chiave per affrontare la politica dell’Unione europea e le esigenze dei cittadini, ampliando le attuali capacità della componente spaziale di Copernicus. In questo contesto, è un grande orgoglio per l’Italia che Thales Alenia Space Italia svolga un ruolo cruciale con ROSE-L, nel consentire il futuro del monitoraggio del clima e uno sfruttamento efficiente e sicuro delle risorse della Terra”. “Lo sviluppo di questo strumento innovativo conferma le competenze acquisite dalla nostra industria in questa specifica tecnologia spaziale. Credo davvero che questa nuova esperienza rappresenti un punto di forza e di crescita per l’Italia e un’incredibile sfida industriale posta da Copernicus anche a livello di sostenibilità. I dati ROSE-L contribuiranno notevolmente ad aumentare non solo la capacità di monitoraggio del pianeta, ma – ha concluso Fraccaro – anche a sviluppare applicazioni satellitari innovative, attraverso una roadmap europea strategica per massimizzare l’uso di Copernicus”.