Incendi, tifoni ed inondazioni: tutti gli eventi meteorologici più disastrosi di questo terribile 2020

Guardando indietro ai momenti meteorologici più tumultuosi del 2020 in tutto il mondo: dagli incendi in Australia alle tempeste di vento europee

MeteoWeb

Il 2020 sta per terminare, mancano ormai poche ore all’arrivo del nuovo anno, che in tutto il mondo si augura che sia migliore di quello che si sta concludendo. Il 2020 è stato sicuramente caratterizzato dalla pandemia di SARS-CoV-2, ma sono tantissimi gli eventi, soprattutto meteorologici, disastrosi, che hanno reso quest’anno ancora più complicato. Il 2020 sarà sicuramente ricordato ma non di certo per gli episodi positivi: incendi devastanti, inondazioni catastrofiche, caldo anormale tanto altro.

Incendi da record in Australia

incendi australia
foto di Daniel Berehulak-Getty Images

In tantissimi ricorderanno gli incendi boschivi in Australia di inizio anno, iniziati a luglio 2019, la cui intensità è aumentata a fine 2019, causando decine di morti e devastando la terra dei canguri, distruggendo migliaia di case fino a febbraio. Si pensa che quasi mezzo miliardo di animali domestici e autoctoni siano stati uccisi dagli incendi. Si stima che 11.264 incendi di cespugli o erba abbiano bruciato 5,4 milioni di ettari (13 milioni di acri) durante quel lasso di tempo, compreso il “mega incendio” che si è sviluppato quando tre incendi si sono fusi vicino al confine tra New South Wales e Victoria.

Tempeste di vento europee

Tempesta Ciara, la tempesta più forte della stagione, ha investito le isole britanniche all’inizio di febbraio, portando raffiche di vento di 80-100 mph (129-160 km / h) e piogge localmente intense. La stagione delle tempeste di vento 2019-2020 ha portato anche devastanti inondazioni alle comunità del Galles meridionale. Una settimana dopo che la tempesta Ciara ha attraversato la regione, è seguita la tempesta Dennis e in Gran Bretagna si sono sviluppate inondazioni diffuse. Dopo che altre tempeste sono seguite negli ultimi giorni del mese, il Met Office ha confermato che il 2020 ha avuto il febbraio più piovoso mai registrato e il quinto più piovoso di qualsiasi mese mai registrato.

Tempesta super ciclonica Amphan

ciclone amphan calcuttaNell’Oceano Indiano, l’attività tropicale ha iniziato a fermentare durante il mese di maggio prima dell’arrivo della stagione dei monsoni di sud-ovest, generando la tempesta più forte della stagione e di recente memoria. Al suo picco di forza, Amphan divenne una tempesta super ciclonica, il livello più alto sulla scala dei cicloni tropicali dell’India, e stava producendo venti intorno ai 220 km / h (173 mph). Secondo Jason Nicholls, responsabile internazionale di AccuWeather Lead Forecaster, Amphan è stata la prima tempesta super ciclonica nel Golfo del Bengala dal 1999 Odisha Cyclone. Quel ciclone nel 1999 ha prodotto venti fino a 260 km / h (160 mph). Mentre Amphan potrebbe aver perso un po ‘di intensità del vento prima di atterrare, il ciclone ha comunque prodotto piogge alluvionali, smottamenti di fango e forti venti sulla punta del Golfo del Bengala. Quasi 100 persone sono morte nell’India nord-orientale e in Bangladesh.

Record di temperature primaverili elevate in Siberia

Poiché le regioni di tutto il mondo durante i mesi primaverili hanno riportato temperature inferiori alla norma, la Siberia ha segnalato segni di inizio primavera ed estate. Le alte temperature comprese tra 25 e 35 ° C (77-95 ° F) erano comuni in alcune parti della Russia nel mese di maggio, inclusa la Siberia, secondo il The Sun. Tuttavia, temperature così alte non sono comuni all’inizio dell’anno per la vasta regione. Le temperature medie alte in Siberia, considerata una delle regioni più fredde della Terra, sono generalmente intorno ai 17,5 C (63,5 F) per il mese di maggio. Almeno una città sopra il circolo polare artico ha battuto un record giornaliero di alta temperatura. Il 22 maggio, Khatanga ha registrato una temperatura elevata di 25 C (78 F). Il massimo normale per la data è 0 C (32 F) e il record precedente era 12 C (54 F). Nel frattempo, le porzioni meridionali della regione, soprannominata “Siberia calda” per il suo clima leggermente più caldo rispetto alle parti settentrionali della regione, hanno accolto con favore l’inizio di giugno con neve sufficiente per coprire strade e viaggi d’urto.

Inondazioni piogge monsoniche in Asia orientale

Durante i mesi primaverili ed estivi, un fronte mei-yu attivo, o fronte semi-stazionario che porta piogge monsoniche, note anche come “piogge di prugne”, in parti dell’Asia, ha portato a inondazioni catastrofiche dalla Cina meridionale al Giappone sudoccidentale e nel Penisola coreana. A metà luglio, quest’anno oltre 140 persone sono morte o disperse nel sud della Cina a causa delle inondazioni. Oltre 30 milioni di persone sono state colpite in 27 province e circa 1,72 milioni di persone sono state ricollocate, ha riferito CGTN su Twitter. L’Agenzia meteorologica giapponese ha emesso i suoi più alti allarmi per inondazioni e smottamenti a Kumamoto e Kagoshima, il primo per queste prefetture, quando il fiume Kuma ha rotto gli argini. L’incantesimo di piogge monsoniche più lungo in sette anni ha inondato 14.211 acri della Corea del Sud, uccidendo più di 20 persone.

Fulmine mortale in India

L’AFP ha riferito che le morti per fulmini nel Bihar, in India, hanno raggiunto 147 in soli 10 giorni. Più di due dozzine di queste morti sono avvenute solo sabato 4 luglio. Almeno 215 persone sono state uccise finora quest’anno in tutto lo stato. Quasi tutti i morti sono stati contadini, braccianti rurali e allevatori di bestiame. La stagione dei monsoni dell’India rivendica vite ogni anno e il 2020 non ha fatto eccezione. Secondo il New India Express, 1.503 persone sono morte a causa delle piogge monsoniche e delle inondazioni.

Stagione dei tifoni nell’Oceano Pacifico

Lungo il Pacifico, una stagione tropicale attiva ha avuto un impatto sulle aree dal Vietnam al Giappone e alla penisola coreana. Dopo che il tifone Bavi ha seguito una traccia nella parte nord-occidentale della penisola coreana durante la fine di agosto, altri due tifoni hanno effettuato questa svolta a nord verso la regione fino all’inizio di settembre. I tifoni Maysak e Haishen erano vicini a Bavi, e hanno portato devasanti conseguenze nella penisola coreana. Il trio di tempeste ha colpito la penisola coreana nel giro di una settimana.

A ottobre, la pista della tempesta nel bacino del Pacifico occidentale si era svolta a sud e ad ovest, prendendo di mira Filippine e Vietnam con diversi sistemi tropicali denominati. Il Super Typhoon Goni si è schiantato nelle Filippine orientali l’ultimo giorno di ottobre con venti massimi sostenuti equivalenti a un forte uragano di categoria 4 nei bacini dell’Atlantico e del Pacifico orientale. Goni è il tifone più forte che si è aggirato nel Pacifico occidentale quest’anno ed è stata solo la seconda tempesta a raggiungere lo status di super tifone. Il primo super tifone è stato Haishen, che faceva parte del trio di tempeste che hanno colpito il Giappone meridionale e la penisola coreana da fine agosto a inizio settembre. Durante questo periodo di tempo attivo, un totale di nove sistemi tropicali ha colpito il Vietnam da metà settembre a metà novembre. Ciò ha portato a precipitazioni estreme e inondazioni devastanti nelle parti centrali del paese. Le inondazioni hanno provocato più di 100 morti e distrutto i raccolti in tutta la regione.

Stagione degli uragani atlantici da record

Non è stato solo l’Oceano Pacifico occidentale a generare devastanti cicloni tropicali durante il 2020; anche l’Oceano Atlantico ha avuto una stagione record di uragani che ha incluso diverse tempeste notevoli. Una delle tempeste più distruttive della stagione è stata l’uragano Eta, che è atterrato all’inizio di novembre in Nicaragua come uragano di categoria 4. Eta è solo una delle cinque tempeste di forza di Categoria 4 o superiore ad approdare in Nicaragua. Quasi 150 morti sono state collegate all’ex uragano di categoria 4, ha riferito Reuters. Inoltre, altre centinaia erano scomparse o lasciate bloccate. Negli Stati Uniti, 12 tempeste nominate sono sbarcate, battendo il record di nove dal 1916.

Primo uragano mai registrato in Somalia

L’attività tropicale è tornata nell’Oceano Indiano durante il mese di novembre, il che ha portato in Somalia la grave tempesta ciclonica Gati ed è diventata la prima tempesta con la forza equivalente a un uragano a sbarcare sul paese dell’Africa orientale. Come riportato dall’agenzia Anadolu, Gati ha ucciso nove persone e distrutto quasi 4.000 edifici. In quattro delle comunità più colpite, la tempesta ha distrutto 886 proprietà che ammontano a oltre il 75% di tutte le proprietà private.

Inondazioni improvvise in Argentina

Negli ultimi giorni di dicembre, forti piogge e temporali hanno inzuppato parti del nord dell’Argentina. San Miguel de Tucuman ha riportato 136 mm (5,37 pollici) di pioggia in sole 24 ore il 28 dicembre. Sono emersi video di alberi abbattuti e audaci salvataggi in acqua mentre le acque alluvionali scorrevano per le strade. Ci sono segnalazioni di almeno due morti.