I grandi terremoti sono la causa del riscaldamento dell’Artico: lo studio che scagiona l’attività umana

E' opinione diffusa che il riscaldamento globale sia causato dall'attività umana: un recente studio, però, indica come causa i grandi terremoti

MeteoWeb

Un ricercatore del MIPT ha proposto una nuova spiegazione per il rapido riscaldamento dell’Artico. In un suo recente articolo su Geosciences, suggerisce che il riscaldamento potrebbe essere stato innescato da una serie di grandi terremoti.

Il riscaldamento globale è una delle questioni più urgenti da affrontare a livello globale. È opinione diffusa che sia causato dall’attività umana, che aumenta la concentrazione di gas serra nell’atmosfera. Tuttavia, questa visione non spiega perché le temperature a volte aumentano abbastanza bruscamente. Nell’Artico, uno dei fattori che determinano il riscaldamento climatico è il rilascio di metano dal permafrost e idrati di gas metastabili nella zona di piattaforma. Da quando i ricercatori hanno iniziato a monitorare le temperature nell’Artico, la regione ha visto due periodi di riscaldamento improvviso: prima negli anni ’20 e ’30, e poi a partire dal 1980 e fino ad oggi.

Leopold Lobkovsky, autore dello studio riportato in questo articolo, è un membro dell’Accademia delle scienze russa e capo del Laboratorio MIPT per la ricerca geofisica dei margini artici e continentali dell’Oceano Mondiale. Nel suo articolo, lo scienziato ha ipotizzato che i bruschi cambiamenti di temperatura inspiegabili potrebbero essere stati innescati da fattori geodinamici. In particolare, ha indicato una serie di grandi terremoti nell’Arco Aleutino, che è l’area sismicamente attiva più vicina all’Artico.

Per verificare la sua ipotesi, Lobkovsky ha dovuto rispondere a tre quesiti. Primo, le date dei grandi terremoti coincidevano con i salti di temperatura? In secondo luogo, qual è il meccanismo che consente ai disturbi litosferici di propagarsi per più di 2.000 chilometri dalle Isole Aleutine alla regione della piattaforma artica? Terzo, in che modo questi disturbi intensificano le emissioni di metano?

La risposta alla prima domanda è arrivata dall’analisi dei dati storici. Si è scoperto che l’Arco delle Aleutine era effettivamente il sito di due serie di grandi terremoti nel 20 ° secolo (maggiori dettagli sotto il testo). Ciascuno di essi ha preceduto un brusco aumento della temperatura di circa 15-20 anni.

Ci è voluto un modello di dinamica della sollecitazione litosferica per rispondere alla seconda domanda. Il modello utilizzato dal ricercatore descrive la propagazione delle cosiddette onde tettoniche e prevede che dovrebbero viaggiare a circa 100 chilometri all’anno. Ciò concorda con il ritardo tra ciascuna delle grandi serie di terremoti e il successivo aumento della temperatura, poiché le perturbazioni hanno impiegato dai 15 ai 20 anni per essere trasmesse su 2.000 chilometri.

Per rispondere alla terza domanda, il ricercatore ha proposto la seguente spiegazione: le onde di deformazione che arrivano nella zona di piattaforma causano minori sollecitazioni aggiuntive nella litosfera, che sono sufficienti per interrompere la struttura interna degli idrati di gas metastabili e del permafrost che immagazzina il metano catturato. Questo rilascia metano nell’acqua della piattaforma e nell’atmosfera, portando al riscaldamento climatico nella regione a causa dell’effetto serra.

Esiste una chiara correlazione tra i grandi terremoti nell’arco delle Aleutine e le fasi del riscaldamento climatico. Esiste un meccanismo per trasmettere fisicamente gli stress nella litosfera alle velocità appropriate. E questi stress aggiunti sono in grado di distruggere gli idrati di gas metastabili e il permafrost, rilasciando metano. Ciascuno dei tre componenti in questo schema è logico e si presta a spiegazioni matematiche e fisiche. È importante sottolineare che spiega un fatto noto – il brusco aumento delle anomalie di temperatura nell’Artico – che è rimasto non spiegato dal precedente modelli”, ha commentato Lobkovsky.