Intelligenza Artificiale e linguaggio umano: dottoranda dell’Università di Pisa premiata dall’Association of Computational Linguistics

Il lavoro premiato rappresenta un contributo significativo nell’indagine sulle potenzialità e i limiti dei modelli neurali di Intelligenza Artificiale nel comprendere il linguaggio umano

MeteoWeb

Giulia Rambelli, laureata in Informatica Umanistica all’Università di Pisa e attualmente iscritta al Dottorato in Discipline Linguistiche e Letterature Straniere dell’Ateneo pisano, è la prima autrice di un lavoro premiato come “miglior articolo” dalla Asian Chapter of the Association of Computational Linguistics (ACL). Classe 1993 di Gavardo in provincia di Brescia, la dottoressa Rambelli ha ricevuto il riconoscimento durante una conferenza internazionale della ACL che si è svolta il 5 e 6 dicembre. ACL è una prestigiosissima associazione di linguistica computazionale formata da sezioni regionali (AACL in Asia, EACL in Europa, e NAACL in America) di cui quella asiatica è estremamente competitiva, con un tasso di accettazione dei lavori di solo il 18%.
Il lavoro premiato riguarda l’interpretazione automatica del significato e rappresenta un contributo significativo nell’indagine sulle potenzialità e i limiti dei modelli neurali di Intelligenza Artificiale nel comprendere il linguaggio umano. Intitolato “Comparing Probabilistic, Distributional and Transformer-Based Models on Logical Metonymy Interpretation”, l’articolo è opera di un team internazionale che include Alessandro Lenci dell’Università di Pisa e supervisore dottorale di Giulia Rambelli, Philippe Blache dell’Università Aix-Marseille (Francia), con la quale Giulia Rambelli svolge il dottorato in cotutela, Chu-Ren Huang ed Emmanuele Chersoni dell’Hong Kong Polytechnic University, quest’ultimo laureato dell’Università di Pisa.