Meteo, mai così tanta pioggia da 12 anni nella prima metà di dicembre in Italia. Mappe e dati

E' dal 2008 che non si registra una prima parte di dicembre all'insegna di una persistenza perturbata atlantica come quella delle due settimane appena trascorse. Piogge del 40/50 o persino 70/80% in più da Nord a Sud. Le mappe e i dati

MeteoWeb

Questa prima parte di dicembre appena trascorsa, ha mostrato una vivacità atmosferica come non accadeva da 12 anni. Nell’ultimo decennio, solo in un paio di stagioni, nel dicembre 2017 e  in quello 2012, vi sono state situazioni di atmosfera abbastanza movimentata e spesso depressionaria, tuttavia giammai in forma estesa a tutto il territorio, invece rispettivamente più circoscritta al Centro Nord nel 2017, al Centro Sud nel 2012.  Questa prima parte di dicembre 2020, è stata caratterizzata da una ostinatezza del flusso perturbato atlantico come non si vedeva dal lontano 2008, all’insegna di perturbazioni incessanti che hanno coinvolto tutto il territorio nazionale da Nord a Sud, spalmando ingenti quantitativi di pioggia.

Nella prima immagine in evidenza, è rappresentata l’anomalia barica alle quote medio-alte che ha caratterizzato questa prima parte di mese. E’ ben evidente come 3/4 d’Europa, sostanzialmente tutta la parte centro-occidentale, Italia e Mediterraneo compresi, siano stati costantemente sotto l’egida di basse pressioni e in alcuni casi anche profonde, come testimoniano i colori fucsia-viola espressi nell’anomalia. L’asse ciclonico si è posto mediamente da Nordovest verso  Sudest, quindi Regno Unito/Ionio, con una circolazione in prevalenza occidentale, spesso abbastanza fredda sulle regioni settentrionali, più tiepida su quelle centro-meridionali. Ne è conseguito un periodo persistentemente instabile o in diverse fasi anche perturbato, all’insegna  di piogge abbondanti e per alcune fasi persistenti da Nord a Sud, con gli inevitabili dissesti e le alluvioni che in più occasioni ha registrato la cronaca nei giorni scorsi. La seconda immagine a corredo, evidenzia proprio l’anomalia della pioggia.

Appare evidente come tutto il territorio nazionale sia stato in questi ultimi 15 giorni in surplus pluviometrico, con colorazione blu e verso il fucsia, indicante appunto pioggia sopra la norma, praticamente su tutto il territorio. Si sono avute piogge del 30/40/50% in più rispetto alla media su tutte le aree colorate in blu via via più scuro, poi piogge addirittura del 70/80% in più su quelle colorate verso il viola-fucsia. Solo l’estremo angolo nordoccidentale ha visto piogge comunque sopra la norma, ma in misura inferiore rispetto al resto d’Italia e soprattutto rispetto all’Emilia-Romagna, al Centro Nord Appennino e alla Calabria, localmente alla Sardegna, dove gli accumuli sono stati abbondantemente in surplus.

Un ultimo dato, relativo a questa prima quindicina del mese, quello termico dal quale si evidenzia, terza immagine interna, come sostanzialmente il periodo sia trascorso con temperature nella norma un po’ tutto il Nord e sul medio-alto Tirreno, mentre un lieve surplus è stato registrato sulle regioni del medio-basso Adriatico, meridionali in genere, sulla Sicilia e localmente anche sul Lazio.