Previsioni Meteo, maltempo senza fine sull’Italia! Tempesta invernale impetuosa nel weekend, 500mm di pioggia e tanta neve

Previsioni meteo: correnti perturbate nord atlantiche accanite verso l'Italia. Ennesima forte perturbazione con piogge localmente violente e rischio dissesti nel weekend. I dettagli

MeteoWeb

In base alle ultime previsioni meteo, in questa prima settimana di dicembre, ma diremmo anche per tutta la prima decade del mese, avrà modo di manifestarsi un maltempo come rare volte si è visto nel primo mese invernale negli ultimi anni. Si è già instaurato, infatti, un corridoio perturbato nord-oceanico il quale persisterà per molti giorni ed entro cui viaggeranno sistemi perturbati talora anche intensi direttamente alla volta dell’Italia. Avremo, quindi, giornate molto perturbate di stampo tardo autunnale o invernale, alternate a qualche temporanea fase inter-ciclonica o inter-frontale. Dopo il maltempo in corso di metà settimana, solo una breve pausa e già nel fine settimana prossimo, ma a iniziare da venerdì sulle regioni settentrionali, sarà attiva un’altra intensa perturbazione nord-atlantica che porterà maltempo diffuso da Nord a Sud, inizialmente ancora nevicate fino a bassa quota, venerdì, sulle regioni nordoccidentali, ma poi via via nel fine settimana prevarrà l’aria più mite meridionale e la quota neve si alzerà anche al Nord.

Riferendoci essenzialmente al weekend, ecco, dunque, l’evoluzione.  Nella giornata di sabato, un’ampia saccatura perturbata atlantica, affonderà sul Mediterraneo centro-occidentale, attivando un minimo depressionario secondario in prossimità del medio-alto Tirreno, tra la Sardegna e il Golfo ligure. Questa figura vorticosa, convoglierà intense masse d’aria umida e perturbata dai quadranti meridionali indirizzandole soprattutto verso l’Italia centro-settentrionale. Le aree più colpite da rovesci e temporali saranno la Toscana centro-settentrionale, l’Emilia, la Lombardia e tutti i settori alpini e prealpini centro-orientali, con precipitazioni intense, spesso anche a carattere di nubifragio e con rischio di dissesti. Le temperature saranno in aumento ma, per la prima parte di sabato  ancora abbastanza fredde su Alpi, Prealpi e al Nordovest con neve ancora fino a 6/800 m, ma mediamente oltre i 1000/1200 m. Piogge e rovesci diffusi, per sabato, anche sul resto della Toscana, Lazio, su queste regioni anche forti verso sera, altre piogge sull’ Umbria, sulla Sardegna, sulla Sicilia centro-orientale e sui settori ionici della Calabria, localmente fino alla Puglia, anche con locali temporali tra Sicilia e Calabria. Andrà meglio sul resto del Sud e sulle regioni adriatiche in genere.

Nella notte su domenica 6, e poi il giorno festivo, maltempo forte da Nord a Sud, con rovesci,  temporali e anche frequenti nubifragi, più intensi ancora una volta sui settori centro-orientali, soprattutto alpini e prealpini, su tutta la fascia tirrenica, dalla Toscana alla Calabria e poi sui settori ionici calabresi e lucani. Attenzione a possibili fenomeni violenti e rischio di dissesti o anche alluvioni. Per la giornata di domenica, arriverà aria via via più fredda dalla Francia, con venti forti di Ponente e di Maestrale sulla Sardegna e sui bacini tirrenici, Libeccio sulle aree centro-meridionali peninsulari, ma con connotati più freddi e nevicate che potranno raggiungere anche i 1.000/1.200 m in Appennino centrale; venti forti di Scirocco sull’Adriatico.  Vogliamo rilevare un pericolo valanghe soprattutto sui settori alpini e prealpini di Nordest, in particolare tra alto Veneto e alto Friuli, dove, dopo le abbondanti nevicate dei giorni precedenti e ancora nevicate intense sopra i 1.300/1.400 m nel weekend,  sono attesi accumuli anche di 3/4 m sopra quelle quote, per di più con uno zero termico repentinamente oscillante proprio nel fine settimana a causa di brevi puntate di aria più calda meridionale. Solo nel weekend, potrebbero cadere fino a 400/500 mm di precipitazioni su queste aree. Massima allerta, quindi. La redazione di MeteoWeb continuerà a seguire l’evoluzione del maltempo atteso verso il fine settimana, apportando quotidiani aggiornamenti.

Di seguito le pagine per monitorare la situazione in tempo reale ecco le immagini di radar, satelliti e fulminazioni in diretta: