Previsioni Meteo, la tendenza per Natale: ipotesi Anticiclone, rischio irruzioni fredde da Est

Previsioni meteo: probabile attenuazione del flusso perturbato atlantico e più alta pressione sul Centro Nord Europa, ma rischio di possibili retrogressioni fredde continentali. La tendenza per Natale

MeteoWeb

Volgiamo lo sguardo, in questa sede, al possibile tempo di massima in approssimazione al Natale. Il range temporale contemplato di queste previsioni meteo va ben oltre i 15 giorni, pertanto non si tratta certo di una previsione, piuttosto di una possibile linea di tendenza. Sulla base delle simulazioni modellistiche esaminate, traspare un dato essenziale, ossia una certa attenuazione del flusso perturbato atlantico. Nella sostanza, le correnti perturbate nord-oceaniche, andrebbero perdendo la veemenza delle fasi precedenti, tuttavia non si sopirebbero del tutto, infatti un moderato corridoio instabile con asse iberico-mediterraneo occidentale, resterebbe abbastanza aperto e entro il quale potrebbero ancora confluire moderati nuclei instabili. La progressiva attenuazione dell’impeto atlantico, naturalmente, lascerebbe più spazi a una moderata alta pressione continentale, soprattutto sui settori centro-settentrionali e nord-orientali dell’Europa, compresi, sebbene in forma più limitata, anche i settori centro settentrionali del nostro bacino. Si registrerebbe, invece, una minore performance anticiclonica sulle aree sud-orientali del continente, in prossimità delle regioni del Mar Nero e meridionali russe, in corrispondenza delle quali potrebbe agire una circolazione mediamente fredda continentale di tipo semi-stazionario. Nel contempo, lo abbiamo già rilevato, sul Mediterraneo occidentale insisterebbe un moderato flusso umido atlantico.

L’Italia, potrebbe trovarsi nel mezzo di queste due azioni e con campo pressorio verso valori medi. Ne conseguirebbe un tipo di tempo per qualche fase più stabile in linea generale, ma con una insidia non affatto trascurabile, ossia la possibile interazione tra il moderato flusso umido atlantico e le correnti più fredde continentali. Il possibile scontro tra le due differenti masse d’aria, le quali verrebbero divise sostanzialmente da una flebile alta pressione proprio sui meridiani centrali mediterranei e sull’Italia, non sarebbe affatto escluso e, magari, in maniera anche un po’ sorprendente, potrebbe venire fuori nel periodo pre-natalizio, una possibile instabilità a carattere invernale in particolare per le regioni del medio-basso Adriatico e centro-meridionali in genere. Una eventualità che ci sentiamo di segnalare e che, naturalmente, verrà vagliata nel corso dei nostri prossimi quotidiani aggiornamenti sul medio-lungo periodo, accessibili attraverso la Home Page di MeteoWeb.

Di seguito le pagine per monitorare la situazione in tempo reale ecco le immagini di radar, satelliti e fulminazioni in diretta: