Sars-Cov-2: all’ospedale di Legnago arriva il container cella mortuaria per i feretri senza posto

L'utilizzo della cella-frigorifero container conferma il record negativo di Verona per numero di contagi da Covid, in Regione ormai da giorni

MeteoWeb

Vista l’emergenza per il numero eccesivo di salme all’Obitorio, nell’ospedale di Legnago, nel veronese, verrà utilizzata una cella frigorifera-container per i feretri che non trovassero posto nelle celle mortuarie, che potrebbero risultare in alcune giornate insufficienti. Infatti, in questi giorni si è registrato un deciso aumento di richieste di cremazioni, sempre più spesso legate proprio ai decessi causati dal virus, e questa procedura allunga i tempi di permanenza dei feretri nella struttura ospedaliera, dato per la cremazione i tempi di attesa sono anche di una decina di giorni.

Il container-frigo posto vicino dell’obitorio, ieri aveva ospitato già i primi due feretri, mentre oggi è vuoto, spiegano dall’Ulss 9 Scaligera, da cui si sottolinea che però il container frigo non è un caso eccezionale e che viene utilizzato anche in altre realtà ospedaliere, come ad esempio a Montebelluna, nel trevigiano. L’utilizzo della cella- frigorifero container conferma comunque il record negativo di Verona, e della sua provincia, per numero di contagi da Covid, in Regione ormai da giorni.