La macabra scoperta in Messico: altri 119 teschi nella torre atzeca dove venivano compiuti sacrifici umani [FOTO]

Nella sezione orientale della torre atzeca sono stati visualizzati superficialmente 119 teschi umani, che si aggiungono ai 484 precedentemente individuati

/
MeteoWeb

 

Cinque anni fa, i ricercatori del Programma di archeologia urbana (PAU), dell’Istituto nazionale di antropologia e storia (INAH), hanno individuato i resti dell’estremo nord-est dell’Huei Tzompantli, ovvero la Torre di teschi di Città del Messico, la grande piattaforma con palizzata che gli Atzechi consacrarono a Huitzilopochtli, il loro dio protettore.

Nel 2020, a seguito del monitoraggio che l’Istituto fornisce ai lavori di ristrutturazione dell’edificio storico in via República de Guatemala 24, gli archeologi hanno individuato l’estremità orientale e la facciata esterna di quella torre o muro circolare di teschi umani, alta 4,7 metri di diametro. “Ad ogni passo, il Templo Mayor continua a sorprenderci; e lo Huei Tzompantli è, senza dubbio, uno dei ritrovamenti archeologici più impressionanti degli ultimi anni nel nostro paese, in quanto è un’importante testimonianza della potenza e della grandezza raggiunta dal Messico-Tenochtitlan”, è il commento del Segretario alla Cultura del Governo dal Messico, Alejandra Frausto Guerrero.

Il responsabile della politica culturale in Messico sottolinea anche l’importanza dell’INAH per continuare la ricerca sulla memoria storica: “La continuità di progetti archeologici e di ricerca come questo sono un chiaro esempio che il lavoro nelle istituzioni culturali non è fermate; e un esempio attendibile della rilevanza del lavoro di ricerca, recupero e salvataggio della nostra memoria storica e culturale, svolto ogni giorno dagli specialisti dell’Istituto”.

Il capo del PAU, Raúl Barrera Rodríguez, e il capo del campo di scavo, Lorena Vázquez Vallín, sottolineano che era da marzo di quest’anno che si era compreso come vi fossero altre ‘sorprese’ nascoste, poiché il livello del pavimento è stato abbassato per rinforzare un muro che va da nord a sud il lato ovest del corridoio centrale dell’edificio storico, facendo sì che venissero rilevati i primi teschi frammentati facenti parte della struttura circolare. Le prove, spiegano, mostrano che una volta che Città del Messico-Tenochtitlan cadde nelle mani dei soldati spagnoli e dei loro alleati indigeni, ebbe luogo la distruzione della maggior parte dell’ultima fase di costruzione dello Huei Tzompantli e i teschi della torre vennero rasi al suolo. I frammenti sparsi sono stati poi recuperati e analizzati dal team di antropologia fisica.

Finora, i ricercatori del PAU sono scesi a una profondità di 3,5 metri dall’attuale livello di via República de Guatemala, riuscendo a identificare tre fasi di costruzione della piattaforma atzeca, che risalgono, almeno, al tempo del tlatoani Ahuízotl, che governò Tenochtitlan tra il 1486 e il 1502. In questa nuova fase di sorveglianza dei lavori di restauro dell’edificio storico, sono stati visualizzati superficialmente 119 teschi umani provenienti dalla sezione orientale della torre, che si aggiungono ai 484 precedentemente individuati, come spiega l’antropologo fisico incaricato dell’analisi del materiale osseo, Rodrigo Bolaños Martínez, il cui lavoro è svolto sotto la supervisione del Dr. Jorge Gómez Valdés, un collaboratore del PAU.

Dall’analisi visiva, Bolaños Martínez aggiunge che su questa facciata ci sono teschi sia maschili che femminili e almeno tre bambini, questi ultimi riconosciuti per essere più piccoli e con denti in via di sviluppo. Si osservano anche modificazioni cefaliche tabulari e oblique, che indicano che gli individui hanno svolto questa attività come parte delle loro pratiche culturali e identitarie. “Sebbene questi individui siano un campione importante della popolazione del periodo postclassico”, osserva Lorena Vázquez Vallín, ciascuno di questi teschi costituisce un elemento architettonico che fa parte dell’edificio e del suo discorso simbolico.

Raúl Barrera Rodríguez spiega che questi lavori sono il risultato della collaborazione tra INAH e i proprietari, che ha permesso di indagare e salvaguardare questo importante patrimonio archeologico. Va notato che, in questa fase dell’indagine, è entrata in gioco anche la consulenza del responsabile del restauro del Museo del Templo Mayor, Adriana Mariana Díaz de León Lastras.

Un tempio consacrato alla vita

Nell’America Centrale il sacrificio rituale era praticato con l’idea che, attraverso il suo esercizio, gli dei fossero mantenuti in vita e, quindi, l’esistenza dell’universo potesse essere alimentata. Questa visione, incomprensibile per il nostro sistema di credenze, rende lo Huei Tzompantli un edificio di vita piuttosto che di morte. Sebbene, commentano Barrera e Vázquez, questo imponente monumento fosse anche una dichiarazione di potere e principi di guerra per i nemici degli Atzechi, è probabile che molti degli individui, catturati in combattimento, siano stati sacrificati come nextlahualtin (pagamento dei debiti), cercando così di essere favoriti dagli dei, concedendo loro la vita in cambio.

Sebbene non sia possibile determinare quanti di questi individui fossero guerrieri, forse alcuni erano prigionieri destinati a cerimonie sacrificali. Sappiamo che furono tutti consacrati, cioè si trasformarono in doni per gli dei o addirittura in personificazioni delle divinità stesse, per le quali furono vestiti e trattati come tali”, spiega l’archeologo Barrera Rodríguez. Questa visione fu radicalmente combattuta dagli spagnoli, che dovettero assistere a numerosi sacrifici rituali nei sette tzompantli che, si sa, esistevano nel Sacro Distretto di Tenochtitlan. “Il sacrificio umano nell’America Centrale era un impegno che veniva stabilito quotidianamente tra gli esseri umani e le loro divinità, come un modo che ha influenzato il rinnovamento della natura e garantire la continuità della vita stessa”, conclude il capo della PAU.