Terremoto Croazia, annullate le celebrazioni di Capodanno: i fondi saranno destinati alle popolazioni colpite

Tante città croate hanno annullato le celebrazioni per Capodanno: i fondi saranno destinati alle popolazioni colpite dal terremoto di ieri

MeteoWeb

Ieri mattina un violento terremoto ha colpito la Croazia, in particolar modo la città di Petrinja, dove si sta ancora scavando tra le macerie per trovare superstiti e vittime. A seguito del terribile evento avvenuto ieri, al quale hanno seguito tante altre scosse, tante città croate hanno decio di annullare le celebrazioni in programma per Capodanno: niente fuochi d’artificio quindi e altre celebrazioni organizzate per dare il benvenuto al 2021, i fondi saranno stanziati a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto. Come riferiscono i media regionali, all’iniziativa hanno aderito tra le prime le municipalita’ di Dubrovnik (Ragusa), Split (Spalato), Sibenik (Sebenico, Zadar (Zara). Aiuti giungono anche da gruppi industriali, aziende e privati cittadini, in risposta all’appello lanciato dalle autorita’ per la mobilitazione a favore delle migliaia di persone colpite dal sisma, in particolare gli abitanti di Petrinja, Sisak, Glina, Majske Poljane, i centri del cratere investito dalla violenta scossa di magnitudo 6.4 alle 12.20 di ieri.

Il presidente Milanovi si è recato nuovamente in queste località per esprimere solidarietàà e vicinanza alle popolazioni colpite- Anche Jandrokovic, presidente del Parlamento ha fatto visita ai centri colpiti dal terremoto. Sono numerosi i Paesi europei che hanno risposto alla richiesta di aiuti del governo di Zagabria, fra gli altri Italia, Francia, Austria, Grecia, Bulgaria, Ungheria, Romania, Slovenia, Turchia, Svezia, Portogallo.