Un cimitero infantile costruito durante l’epidemia di malaria: nuova scoperta durante gli scavi archeologici di Lugnano in Teverina [FOTO]

Probabilmente fu proprio questa epidemia di malaria a proteggere l'impero dall'avanzata degli Unni, spingendo nel 452 d.C. Attila a ritirarsi

/
MeteoWeb

Dagli scavi della zona della Villa di Poggio Gramignano, a Lugnano in Teverina, emergono nuove importanti scoperte: una costruzione di epoca romana i cui magazzini, a partire dal 450 d.C. circa, furono adibiti a cimitero infantile, con molta probabilità dopo un’epidemia di malaria. Gli ulteriori recenti studi sull’area archeologica condotti da un team internazionale di archeologi – tra cui Roberto Montagnetti, uno dei responsabili del cantiere di scavo (solo temporaneamente sospeso causa Covid) – fanno infatti ipotizzare che l’insediamento avesse dimensioni piu’ ampie rispetto a quelle conosciute finora, occupando l’intero colle sul quale sorge, per una superficie di almeno 2,5 ettari.

Prove concrete in tal senso sono emerse, in particolare, dalla visione delle tracce rilevate grazie alle foto aeree scattate da droni e dall’utilizzo del georadar, grazie al quale è stato possibile fare la mappatura delle strutture murarie nel sottosuolo ancora sommerso. Ma grazie alla tecnologia, il lavoro di Montagnetti e degli altri ricercatori – nell’ambito di una collaborazione tra Soprintendenza dell’Umbria, Universita’ dell’Arizona, Yale University, Stanford University e Comune – si e’ concentrato anche sui resti di 58 bambini, la cui morte si presuppone sia dovuta all’epidemia di malaria. Tale circostanza e’ avvalorata dall’analisi del Dna eseguita su un frammento osseo di uno degli scheletri rinvenuti. Sono ancora in corso le analisi di altri 11 soggetti il cui risultato, se confermato, potrebbe suffragare la tesi dell’epidemia, sostenendo ulteriormente le ipotesi sul ruolo attivo che la malaria avrebbe avuto nel proteggere l’impero dall’avanzata degli Unni, spingendo nel 452 d.C. Attila a ritirarsi, rinunciando di fatto ad avanzare su Roma.

Tra gli obiettivi della ricerca – spiegano, nel loro studio fornito all’ANSA, Montagnetti e il collega David Pickel – c’è infatti quello di “far luce sull’effettiva portata, intensita’ e durata che questa epidemia puo’ aver avuto e quanto essa possa aver inciso sulla storia delle popolazioni tardo-antiche-altomedievali dell’Italia centrale”. Nel caso in cui le nuove analisi vadano verso la conferma della teoria della presenza dell’epidemia sara’ inoltre possibile utilizzare i dati, “per sviluppare modelli epidemiologici che descrivano la patogenesi della malaria in antichi insediamenti umani e il suo effetto sullo sviluppo della societa'”.