Covid, emergenza ossigeno in Amazzonia: scatta ponte aereo, salvati 61 neonati in pericolo

Emergenza in Brasile: manca ossigeno negli ospedali dell'Amazzonia, inondati di pazienti Covid legati alla nuova variante

MeteoWeb

Corsa contro il tempo in Brasile per rifornire di ossigeno gli ospedali dell’Amazzonia, inondati di pazienti Covid legati alla nuova variante scoperta proprio nell’area: i medici erano arrivati a dover alternare i pazienti ai ventilatori, ruotandoli ogni 10 minuti.
L’aeronautica brasiliana ha avviato un ponte aereo: il primo carico di bombole con 9.300 chili di ossigeno è arrivato da San Paolo e ha evitato tra l’altro l’evacuazione di 61 neonati prematuri che avevano bisogno di ventilazione meccanica ed erano tutti ricoverati in terapia intensiva in vari ospedali di Manaus. Per i piccoli era scattata una gara di solidarietà con molti Stati brasiliani che si erano offerti di curarli.
Nove pazienti sono stati trasferiti da Manaus a Teresina, nel nordest del Brasile, altri pazienti sono stati spostati in 6 città.

Manaus è il luogo di origine di una nuova variante di SARS-CoV-2, quella brasiliana, che ha indotto il Regno Unito a porre il veto sui voli dal Brasile e dai Paesi vicini.
L’aumento dei casi di Covid-19 in Amazzonia ha mandato in tilt un sistema sanitario già fragile: a farne le spese sono stati anche i pazienti con altre patologie che richiedono la somministrazione di ossigeno.