Dispersi sul Velino, ricerche sospese per maltempo: altre tre valanghe sulla zona, “potrebbero essere stati travolti”

Altre tre valanghe sono state individuate nella zona delle ricerche di 3 uomini e una donna dispersi sul Velino: l'area è sferzata da forti venti, neve e nebbia

MeteoWeb

Le operazioni di ricerca dei 4 dispersi sul Velino (AQ) sono momentaneamente sospese per le condizioni meteo avverse. 3 uomini e una donna di Avezzano sarebbero partiti nella mattinata di ieri a piedi dal Rifugio Casale da Monte e non vi hanno fatto ritorno. La zona e’ battuta da forti raffiche di vento, la nebbia e’ fitta e continua a nevicare, tutte condizioni pericolose che stabiliscono a livello 3 (considerevole) il rischio valanghe sull’Appennino abruzzese, come segnalato dal servizio Meteomont dei Carabinieri. I tre non rispondono ai telefoni cellulari. Altre tre valanghe, inoltre, sono state individuate nella zona delle ricerche a testimonianza dell’alta pericolosita’ della zona per l’instabilita’ del manto nevoso.

Invito a rimanere a casa“, dice il colonnello Gabriele Nastasi, comandate provinciale guardia di finanza L’Aquila. “In questo condizioni meteo non bisogna avventurarsi in montagna, mettendo a rischio la propria vita e quella degli altri. Le altre valanghe individuate nella zona del Velino testimoniano la pericolosita’ di quell’area. La neve fresca che sta continuando a scendere rende instabile il manto nevoso, bisogna essere rispettosi della natura e degli altri, evitando di avventurarsi in situazioni inutilmente pericolose“, rinnova il colonnello, il quale sta coordinando le operazioni per riprendere al piu’ presto e ricerche dei quattro dispersi sul Velino. Il corpo del soccorso Alpino della Guardia di Finanza e’ stato al lavoro fino a pranzo, dalla serata di ieri, con dieci militari, due unita’ cinofile, quattro mezzi da terra e con l’elicottero AV169 che ha sorvolato la zona dove si cercano i dispersi, munito della strumentazione Imsi Catcher che ha consentito di individuare un segnale telefonico proveniente dalla valle sotto al colle del Bicchero.

Ipotesi che siano stati travolti da una valanga

L’ipotesi, e purtroppo drammatica, e’ quella che la valanga posso averli travolti. Noi pero’ stiamo lavorando per trovare quattro persone vive, che al momento sono disperse“. Cosi’ Fabio Manzocchi, il Capo stazione del Cnsas di Avezzano, intervistato poco fa da Il Messaggero nelle pagine social dell’edizione abruzzese.