European Extreme Events Climate Index, arriva l’indice per valutare gli impatti finanziari del rischio climatico

Poiché il cambiamento climatico continua a generare impatti finanziari, gli individui e le imprese richiederanno polizze assicurative su misura per questo tipo di responsabilità: ecco come contribuirà l'E³CI

MeteoWeb

Poiché gli eventi meteorologici estremi aumentano di frequenza, mettono inevitabilmente a rischio la vita e le risorse delle persone. Solo tra il 1998 e il 2017, i paesi colpiti da eventi meteorologici estremi hanno registrato perdite economiche dirette per un valore di 2.908 miliardi di dollari, di cui 2.245 miliardi di dollari sono stati causati da disastri legati al clima. Per salvaguardare i mezzi di sussistenza e fornire supporto alle imprese, sia gli assicuratori che gli assicurati richiedono l’accesso a dati affidabili ed informazioni sui cambiamenti climatici.

A tal fine, la Fondazione Internazionale Big Data e Intelligenza Artificiale per lo Sviluppo Umano (IFAB) ha unito le forze con il Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) e Leithà per creare un indice meteorologico estremo in grado di apportare cambiamenti fondamentali al modo in cui quali assicuratori fanno affari. Oggi l’indice E³CI è stato presentato nel corso di un webinar che ha riunito una vasta gamma di esperti nel discutere le principali caratteristiche dell’indice. “L’E³CI è un ottimo esempio di trasferimento tecnologico efficace e una grande dimostrazione di collaborazione intersettoriale che è il marchio di fabbrica della missione guida di IFAB”, commenta il Dr. Renzo Giovanni Avesani, Chief Innovation Officer di Unipol e CEO di Leithà.

Il potenziale per diventare un punto di svolta

cambiamenti climatici eventi meteorologici estremiPoiché il cambiamento climatico continua a generare impatti finanziari, gli individui e le imprese richiederanno polizze assicurative su misura per questo tipo di responsabilità. La pubblicazione di un database certificato che mappa eventi meteorologici estremi passati può fornire criteri oggettivi con cui analizzare l’esposizione delle attività a rischio. Ciò consentirà una copertura assicurativa più efficace, portando vantaggi sia ai consumatori che alle stesse compagnie di assicurazione.

Quando le compagnie di assicurazione coprono le persone con una polizza, si assumono un rischio che poi devono anche coprire“, spiega Avesani. Tradizionalmente ciò viene fatto dalle compagnie di assicurazione che acquistano polizze di riassicurazione da terzi in modo da limitare la propria esposizione complessiva. Tuttavia, questo non è un mercato trasparente. L’E³CI può aiutare a cambiare questa situazione generando indici che consentono lo sviluppo di attività che potrebbero poi essere negoziate sui mercati finanziari.

“Il vero potenziale dell’E³CI è che può cambiare il modo in cui operano i mercati finanziari e assicurativi, fornendo indici rispetto ai quali i pericoli legati alle condizioni meteorologiche possono essere misurati con maggiore precisione. Il vantaggio di fare questo è che se attraverso il mercato posso rendere negoziabili queste passività e quindi aumentare la trasparenza e aumentare la concorrenza, con vantaggi sia per gli assicuratori che per gli assicurati”, sottolinea Avesani. “Fondamentalmente, la pubblicazione di E³CI è un primo piccolo passo per rendere negoziabili sui mercati finanziari le passività legate alle condizioni meteorologiche. Rappresenta uno degli elementi costitutivi di un mercato che fino a quel momento non esisteva e che era gestito attraverso transazioni bilaterali”.

Cos’è l’E³CI

Nel corso del webinar, Antonio Tirri (Leithà, Unipol Group) ha spiegato: “L’indice E³CI è basato sui dati di rianalisi di ERA-5, rilasciati dall’ECMWF come parte del servizio Copernicus Climate Change. Ha molteplici componenti  e può essere considerato come un insieme di indici. Al momento, abbiamo 5 componenti principali: precipitazioni, stress da caldo, stress da freddo, siccità, vento intenso. Questi indicatori sono identificati e calcolati su base mensile in modo da generare informazioni sulla presenza e l’entità dei pericoli legati al clima. “Ogni valore dell’indice descrive l’anomalia del mese rispetto al valore di riferimento nella baseline 1981-2010. Per quanto riguarda l’aggregazione spaziale, al momento è disponibile per Paese ma con la possibilità di eseguire diverse aggregazioni spaziali. L’indice ha 3 casi di utilizzo: migliorare le attività di gestione del rischio e del budget, progettare collegamenti strumenti finanziari collegato all’indice, progettare prodotti assicurativi innovativi; aumentare la consapevolezza sui cambiamenti climatici; sostenere lo sviluppo sostenibile”.

L’indice fornisce un indicatore oggettivo della frequenza delle condizioni meteorologiche estreme che può rivelarsi strumentale nella valutazione e mitigazione delle conseguenze finanziarie dei rischi e nella sintesi e presentazione di dati complessi“, spiega la scienziata del CMCC Paola Mercogliano. Infatti, i dati saranno resi disponibili gratuitamente in due diversi formati: in primo luogo, in un formato visivo che contiene mappe e grafici sintetici in una dashboard online ospitata dal sito IFAB; in secondo luogo, per gli utenti esperti, è possibile scaricare anche dati grezzi per mesi specifici o unità di livello amministrativo. Questo è un primo passo importante per fornire usi pratici per la vasta ricerca e raccolta di dati che è stata necessaria per sviluppare l’indice.

Guido Rianna (Fondazione CMCC) ha spiegato: “L’E³CI mira a definire un indice sintetico che fornisce informazioni sulle aree colpite da diversi tipi di pericoli indotti dal tempo e sulla gravità di tali eventi. Da un punto di vista metodologico, l’E³CI si basa sul North American Actuaries Climate Index (ACI). Gli indicatori climatici agiscono come proxies per gli impatti associati. Possono avere solo un contenuto di informazioni limitato rispetto ad approcci più complessi ma rappresentano un modo consolidato e rapido per dare informazioni sulla frequenza  e la gravità dei pericoli meteorologici. Solitamente gli indicatori per gli eventi estremi sono in grado di dare informazioni per eventi “moderatamente rari” mentre per gli eventi più rari, sono richiesti approcci statistici più complessi. La selezione dell’indicatore deve rappresentare un compromesso per massimizzare il contenuto dell’informazione; per esempio, il periodo di tempo per le precipitazioni cumulate in eventi alluvionali dipende dalle caratteristiche geomorfologiche del bacino; quindi, il relativo indicatore può essere adeguato per rilevare alcuni eventi e non altri”.

ERA5 copre tutto il mondo su griglie latitudine-longitudine ad una risoluzione 0.25° x 0.25° dal gennaio 1950 ad oggi. Sul Climate Data Store del Copernicus Climate Change Service sono disponibili i dati orari su molti parametri atmosferici insieme alle stime di incertezza. ERA5 è aggiornato giornalmente con una latenza di circa 5 giorni, che permette un costante aggiornamento dei componenti che formano E³CI. Le 3 fasi principali per il calcolo degli indicatori sono: l’identificazione di una soglia significativa per rilevare eventi estremi; la standardizzazione del periodo di riferimento (1981-2010); il calcolo dei componenti. La standardizzazione è un aspetto chiave del processo: rende paragonabili gli output restituiti secondo diversi approcci”, aggiunge Rianna. Per quanto riguarda la definizione dei componenti, in particolare, lo stress da caldo, l’esperto spiega: “Abbiamo fissato un giorno, identificato una finestra di 5 giorni, quindi per il periodo di riferimento 1981-2010, abbiamo 150 valori (30X5) che permettono il calcolo del 95° percentile della temperatura massima. Poi si calcola il numero di giorni che superano la soglia per ogni anno e ogni mese nel periodo 1981-2010, poi si calcola la media e la deviazione standard del numero di giorni per mese sul periodo 1981-2010, che poi permette il calcolo mese per mese del componente standardizzato”.

Rianna ha poi illustrato alcuni casi pilota relativi all’Italia. Per quanto riguarda lo stress da caldo, “si può notare una tendenza crescente, con soli 6 eventi con valori mensili che superano la soglia 1 nei primi 10 anni, ma 42 eventi negli ultimi 10 anni. Per lo stress da freddo, si può riconoscere una tendenza decrescente, con 19 eventi con valori mensili che superano 1 nel periodo 1981-2010 e solo 4 negli ultimi 10 anni. Per quanto riguarda le precipitazioni estreme, si può riconoscere una tendenza crescente, con un solo valore mensile oltre 1 nei primi 10 anni, mentre sono 15 i valori oltre la soglia negli ultimi 10 anni. 4 dei valori più alti sono concentrati nel periodo 2011-2020. Per quanto riguarda la siccità, i 5 valori più alti sono tutti concentrati negli ultimi 10 anni. Per ciò che concerne il vento, 3 tra i valori più alti sono ancora concentrati negli ultimi 10 anni ma abbiamo avuto un valore mensile molto più alto degli altri: corrisponde all’ottobre 2018 quando la tempesta Vaia ha colpito grandi aree dell’Italia, in particolare il Nord-Est”.

Chiara Cagnazzo (Copernicus Climate Change Service) illustra: “Dal 1970 al 2021, sono stati riportati 8.835 disastri legati al clima e all’acqua nel mondo. In totale, hanno causato la perdita di 1,94 milioni di vite e danni economici per 2,4 trilioni di dollari. Quando studiamo eventi estremi, prendiamo in considerazione la scala temporale del sistema, la lunghezza temporale, l’estensione spaziale dell’evento. Per fare questo, abbiamo bisogno di dati e strumenti, che devono avere alcune caratteristiche tecniche, come l’alta risoluzione spaziale e temporale, la copertura temporale, l’omogeneità, l’utilizzabilità”.

Florence Rabier (direttore genale ECMWF): “Quando guardiamo alle conseguenze di questo tipo di eventi, in termini di perdite finanziare, abbiamo bisogno di quantificare meglio i rischi causati di questi eventi. Questi indicatori mostrano come questo dovrebbe essere fatto in collaborazione con un rilevante settore dell’economia, in particolare con le assicurazioni in questo caso. L’E³CI può essere utilizzato per guidare l’adattamento. Abbiamo iniziato a costruire metodologie per investigare come le stime degli eventi estremi possono essere utilizzate per progettare nuovi standard di costruzione, per esempio”.

Renzo Giovanni Avesani (Unipol Group, IFAB) conclude: “Credo che l’E³CI sarà utile per le persone e il sistema economico perché fornisce informazioni utili, promuove la ricerca e la cooperazione ed è il primo passo verso una visione di mercato. Gli eventi estremi stanno crescendo in numero e gravità negli ultimi anni. Dobbiamo fornire assicurazioni, protezione e informazioni per affrontare questi rischi. È difficile farlo senza previsioni accurate della loro frequenza, gravità e distribuzione su un’area geografica. L’E³CI è il perfetto pretesto per promuovere la cooperazione e collaborazione tra le persone. L’indice è il primo passo, uno stimolo per iniziare a costruire una fondamentale infrastruttura che oggi non abbiamo: un mercato liquido, trasparente dove possono essere valutati gli eventi legati al clima. Per fare questo, abbiamo bisogno di dati disponibili e certificati. Dobbiamo lavorare sui dati e perfezionare l’indice in molti modi, dobbiamo iniziare a progettare prodotti legati all’indice e testarli. Alla fine, saremo in grado di offrire ai cittadini prodotti assicurativi migliori e più accessibili”.