Fulmini blu nella stratosfera: le spettacolari osservazioni dalla Stazione Spaziale Internazionale fanno luce su questi affascinanti fenomeni meteo [VIDEO]

Avvistati 5 intensi lampi blu in una nube, che genera un getto blu nella stratosfera, grazie all'osservatorio ASIM installato sulla Stazione Spaziale Internazionale

MeteoWeb

Nubi scure, l’odore della pioggia su un marciapiede caldo, i lampi di luce intensa seguiti dal fragore di un tuono. Sono i suoni, gli odori e la vista che tutti sperimentiamo durante un temporale. Ma quanto sappiamo di questo fenomeno meteorologico? Tra le cose da scoprire, ci sono sicuramente getti blu, elves e spettri rossi, fenomeni dai nomi bizzarri e molto difficili da osservare dalla superficie della Terra.

Come riportato in un nuovo studio su Nature, l’osservatorio European Atmosphere-Space Interactions Monitor (ASIM) sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) sta aiutando gli scienziati a trovare ulteriori risposte. Guardando al meteo della Terra dall’alto dei 400km ai quali si trova l’ISS, la prospettiva dell’ASIM sta gettando nuova luce su questi fenomeni meteorologici e sulle loro caratteristiche. L’insieme di camere ottiche, fotometri e rilevatori a raggi gamma e X è stato installato sulla ISS nel 2018. È progettato per cercare le scariche elettriche che si originano in condizioni meteo di tempesta che si estendono sopra i temporali nell’alta atmosfera.

Credit: DTU Space, Mount Visual / Daniel Schmellin

E ora i risultati raccolti da ASIM sono stati pubblicati su Nature, in un articolo che descrive l’avvistamento di 5 intensi lampi blu in una nube, che genera un getto blu nella stratosfera. Un getto blu è una forma di fulmine che sale verso l’alto dalle nubi temporalesche. Può raggiungere i 50km nella stratosfera e durare meno di un secondo. ASIM ha misurato un getto blu con cinque lampi intensi da 10 microsecondi in una nuvola vicino all’isola di Naru nell’Oceano Pacifico (vedi video in fondo all’articolo). Il lampo ha anche generato fantastici elves, ossia un anello di emissioni UV e ottiche che si espande rapidamente. Qui, elettroni, onde radio e atmosfera interagiscono per formare queste emissioni.

Catturare questi fenomeni utilizzando i sensibili strumenti dell’ASIM è fondamentale per gli scienziati che studiano i sistemi meteorologici sulla Terra. Le osservazioni forniscono indizi su come si genera il fulmine nelle nubi e i ricercatori credono che questi fenomeni potrebbero persino influenzare la concentrazione di gas serra nell’atmosfera della Terra, sottolineando ancora una volta quanto sia importante scoprire esattamente cosa succede sopra le nostre teste.

Fulmini blu nella stratosfera: le spettacolari osservazioni dalla Stazione Spaziale Internazionale [VIDEO]