La Lombardia fa ricorso contro la “zona rossa”, anche la provincia di Bolzano protesta. I sindaci del bergamasco infuriati: “qui da noi nessuna emergenza, abbiamo già pagato troppo”

Lombardia in zona Rossa, presentato ricorso: anche i sindaci delle zone più colpite nella prima ondata infuriati. Protesta la Provincia di Bolzano

MeteoWeb

E’ arrivata oggi l’ufficializzaione dell’ingresso in zona rossa della Lombardia, a partire da domenica: una decisione che ha scatenato una forte reazione del governatore Fontana che ha deciso di presentare ricorso al Tar contro l’ordinanza firmata dal Ministero della Salute Roberto Speranza. Fontana contesta il report di monitoraggio settimanale perchè riferito “a dati vecchi“:  “la zona rossa e’ una punizione che la Lombardia non si merita, e’ estremamente penalizzante. Ho fatto presente a Speranza che c’e’ qualcosa che non funziona nei conti, secondo me bisogna rivederli perche’ oggettivamente siamo in una fase in cui stiamo migliorando. Sono stato cauto e ho preteso sempre il rispetto delle regole. Tuttavia ritengo fortemente penalizzante questo scenario, che darebbe un colpo devastante a una grossa fetta dell’economia lombarda“, ha dichiarato.

fontana mascherinaUna decisione assurda che avra’ conseguenze drammatiche per il sistema produttivo lombardo. Una decisione feroce che “mette a rischio un sistema economico gia’ al limite“, ha aggiunto il nuovo assessore regionale allo Sviluppo economico Guido Guidesi e per Confcommercio Lombardia. Anche i sindaci delle zone più colpite dalla prima ondata non ci stanno. “Comprendo bene le ragioni dei sindaci che, evidenziando come i loro territori sono al di sotto della media regionale, chiedono una deroga. Il problema e’ che tale parametro non e’ preso in considerazione dal Ministero della Salute e dal Cts nazionale, ma solo l’Rt“, ha replicato Fontana, criticato dal sindaco di Milano Giuseppe Sala: “Da domenica saremo in zona rossa ma qualcosa non torna. Prima Regione Lombardia decide di non riaprire le scuole fino al 24 gennaio, salvo essere smentita dal Tar, poi Fontana dice per giorni ‘siamo vicini alla zona rossa’. Oggi strepitano“.

Anche la Provincia di Bolano protesta

Anche la Provincia di Bolzano si dice contraria alla classificazione di zona rossa: “Sono rimasto abbastanza sconcertato, visto che attualmente siamo zona gialla. Anche il ministro Speranza mi ha confessato di essere sorpreso”, ha affermato il governatore Arno Kompatscher. “I nostri dati sono addirittura lievemente migliori della scorsa settimana, quando eravamo zona gialla. Sulla base delle indicazioni dell’Azienda sanitaria abbiamo percio’ deciso di mantenere il regime attuale”, ha detto il presidente della Provincia autonoma che in serata firmera’ un’ordinanza.”valutazione sbagliata e inaccettabile. Ci puniscono perchè testiamo di più. Un danno enorme per la Provincia di Bolzano. Molte Regioni gialle hanno valori peggiori dei nostri. I nostri dati non sono perfetti, ma la situazione e’ relativamente sotto controllo. I ricoveri in terapia intensiva sono in lieve calo e quelli nei normali reparti sono stabili“, ha aggiunto l’assessore alla sanita’ Thomas Widmann, in una lettera che sara’ inviata al ministero, all’Iss e al Cts, contera’ la classificazione secondo gli attuali 21 fattori. “Tocchiamo anche la soglia 11.000 test al giorno ed e’ sbagliato contare una seconda volta i test antigenici positivi che, dopo 10 giorni, vengono confermati dal pcr. Ovviamente chi non testa non trova”. Ii letti Covid, “secondo i nostri dati sono ben sotto il 40%“, ha concluso.