Procida a Capitale Italiana della Cultura 2022, “un volano di prospettiva per la ripresa economica”

La nomina di Procida a Capitale italiana della cultura 2022 "è una grande occasione per questa meravigliosa isola"

MeteoWeb

Procida è la Capitale italiana della cultura per l’anno 2022: è stata proclamata da una giuria presieduta dal prof. Stefano Baia Curioni dopo l’esame dei 10 progetti presentati dalle città che si sono candidate (Ancona, Bari, Cerveteri, L’Aquila, Pieve di Soligo, Taranto, Trapani, Verbania Lago Maggiore e Volterra).
La designazione si è svolta alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini.

Secondo Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia, è “un segnale forte, chiaro, quello lanciato oggi dal Ministro Dario Franceschini. La nomina di Procida a Capitale italiana della cultura 2022 è una grande occasione per questa meravigliosa isola ma per la Campania e anche per il Centro Sud. Un’opportunità unica però per l’intero turismo italiano a base anche internazionale che dovrà cogliere la sfida proveniente da temi importanti legati alla sostenibilità. Pensiamo ad esempio alla costa campana con la Costiera Amalfitana, quella Cilentana, la Penisola Sorrentina, l’area Flegrea. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Dario Franceschini e la commissione hanno optato per un’isola tra le più belle e caratteristiche, ricca di colori, di tradizione, storia oltre alla particolarità geologica derivante dalle sue origini. La grande opportunità turistico – culturale deve essere programmata e condivisa! Siamo dinanzi ad un volano di prospettiva per una ripresa economica. L’Italia infatti dovrà e potrà ripartire da un suo punto di forza: turismo culturale”.