SARS-CoV-2, da domenica bar e ristoranti chiusi in Alto Adige

Secondo un’ordinanza che verrà firmata giovedì 28 gennaio, da domenica in Alto Adige chiuderanno bar e ristoranti contro l'emergenza SARS-CoV-2

MeteoWeb

L’Alto Adige in Italia è zona rossa e per Bruxelles è a rischio rosso scuro, classificazione che prevede l’obbligo di test e quarantena per viaggiare in Europa. Ora arrivano nuove misure contro la pandemia da SARS-CoV-2. Secondo un’ordinanza che verrà firmata giovedì 28 gennaio, da domenica 31 gennaio in Alto Adige chiuderanno bar e ristoranti. L’ordinanza restera’ in vigore per due settimane.

Siamo convinti che la nostra strategia di effettuare molti test, ben oltre la media nazionale e internazionale, sia la strada giusta, anche se questo ci penalizza nelle classificazioni. Sarebbe infatti giusto non solo contare i positivi, ma anche i test effettuati su 100.000 abitanti”, ha detto il governatore Arno Kompatscher.

Kompatscher ha rivolto agli altoatesini una “raccomandazione forte” a indossare le mascherine Ffp2 in contesti a rischio, come per esempio i mezzi pubblici. I servizi alla persona restano aperti.  Il presidente ha giustificato il cambio di rotta sulla via altoatesina, con il rischio di ricorsi e di ricadute negative sull’economia altoatesina, ovvero l’ipotesi di essere esclusi da eventuali ristori. “La nostra strategia di testare – ha ribadito Kompatscher – e’ giusta, perche’ ci ha permesso di tenere aperte le scuole e le attivita’ economiche“, con una situazione piuttosto stabile negli ospedali. L’assessore Philipp Achammer ha annunciato test a tappeto su 25.000 studenti delle superiori in Alto Adige che attualmente rappresentano la maggioranza di casi nelle scuole. Achammer ha annunciato anche nuove misure della Provincia di Bolzano a sostegno delle imprese colpite dalla crisi.