In Veneto livelli elevati di PM10 a causa dell’anticiclone ma arriverà la pioggia

I livelli di PM10 sono andati aumentando giorno per giorno in questa settimana in Veneto a causa della presenza dell'anticiclone

MeteoWeb

Dall’inizio della settimana, l’influenza di un promontorio anticiclonico in espansione dall’Europa occidentale ha portato tempo stabile, assenza di precipitazioni, scarsa ventosità e accentuazione dell’inversione termica notturna, cioè fattori di bassa dispersività degli inquinanti atmosferici in Veneto. Di conseguenza anche i livelli di PM10 sono andati aumentando giorno per giorno, facendo scattare, a partire da oggi, il livello di criticità 1 in numerose zone della regione. Sono stati raggiunti i 4 superamenti consecutivi del valore limite giornaliero a TV-Via Lancieri, VE-Parco Bissuola, PD-Mandria, VI-Quartiere Italia, Este, RO-Centro, Castelfranco, Bassano, Cittadella, Piove di Sacco, San Donà di Piave, Mirano, spiega l’Arpav del Veneto. La concentrazione più elevata è stata registrata ieri a VE-Parco Bissuola ma i valori si sono mantenuti ben al di sopra dei limiti in tutte le stazioni della rete, tranne in quelle situate nell’area montana e pedemontana.

In queste ore, però, si sta verificando un netto cambiamento delle condizioni meteorologiche, per l’arrivo di correnti cicloniche associate ad una bassa pressione di origine atlantica; questo influirà positivamente anche sulla qualità dell’aria, spiega l’Arpav. In queste ore la pressione è già in calo: oggi, giovedì 21 gennaio, le prime precipitazioni, di modesta intensità, interesseranno soprattutto le zone centro-settentrionali della regione.

Venerdì 22 gennaio, il tempo sarà perturbato e le precipitazioni, più consistenti rispetto a giovedì, si estenderanno a tutta la regione; inoltre, dal pomeriggio/sera, sulla pianura, sono previsti rinforzi dei venti dai settori orientali (in prevalenza da nord-est), che favoriranno un buon rimescolamento. Infine, un contenuto calo delle temperature in quota e la presenza di copertura nuvolosa determineranno l’attenuazione dell’inversione termica. Quindi, sia oggi che domani le condizioni meteorologiche saranno favorevoli alla dispersione delle poveri sottili. Per questi motivi, fino a lunedì compreso, come da disposizioni contenute nell’accordo di Bacino Padano, non vengono attivati i livelli di criticità superiori a quelli in vigore ad oggi, ovvero viene mantenuto il livello di criticità 0 in tutta la regione.