Allerta Meteo Toscana: aumenta il livello di criticità, neve in arrivo

Neve in arrivo in Toscana, dove dopo la previsione di ingresso di masse d'aria fredda è stato emessa allerta meteo arancione

MeteoWeb

Passa da giallo ad arancione il codice per la neve attesa in Toscana dove per oggi e’ previsto l’ingresso di masse d’aria fredda di origine continentale provenienti da est a cui si assoceranno, dal tardo pomeriggio-sera, nevicate sparse fino a bassa quota, in particolare sui settori appenninici e centro-meridionali. L’allerta emessa dalla sala operativa unificata permanente della Protezione civile regionale interessa quasi tutta la regione – escluse Lunigiana, Garfagnana, Versilia e Arcipelago – con validita’ dalle 21 di oggi fino alle 10 di domani, 13 febbraio. Emessi anche tre codici gialli. Uno per ghiaccio su quasi tutta la regione (escluse costa e Arcipelago), valido dalle 18 fino alla mezzanotte di domani: previste temperature inferiori allo zero su buona parte della regione in particolare dopo il tramonto.

Altro codice giallo per vento, esteso a tutta la Toscana e valido per tutta la giornata di domani con oggi venti da nord est con raffiche fino a 40-50 km/h, localmente fino a circa 70 km/h sulla costa; domani venti di Grecale su tutta la regione con raffiche fino a 70-100 km/h sui rilievi e zone sottovento e sulla costa, fino a circa 50-60 km/h altrove. Infine codice giallo per mareggiate, limitato al solo Arcipelago, e valido dalle 7 fino alle 13 di domani. Riguardo alla neve previste oggi deboli precipitazioni sparse dal tardo pomeriggio in intensificazione in serata. Neve inizialmente a quote collinari nelle zone interne e appenniniche (200-400 metri), a quote di montagna sull’Amiata (oltre i 600 metri). Dalla sera e fino alla prima parte di domani quota neve in abbassamento fino a quote pianeggianti (0-200 metri) su tutte le zone interne ad eccezione del Grossetano (quote collinari). Dal tardo pomeriggio di oggi previste inoltre piogge sparse, in intensificazione dalla sera, quando risulteranno piu’ probabili e frequenti sulle province centro-meridionali. Esaurimento dei fenomeni dalla tarda mattinata di domani.