La bellezza di Castelluccio di Norcia riflessa nei laghetti di neve sciolta [FOTO]

Quel che resta di Castelluccio di Norcia, borgo devastato dal terremoto del 2016, è avvolto dalla neve, che in parte nasconde le ferite inferte dal sisma

  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
  • Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
    Foto Gianluigi Basilietti / Ansa
/
MeteoWeb

La bellezza di Castelluccio di Norcia riflessa nei laghetti che si sono formati sul Pian Grande, con lo sciogliersi della neve: lo spettacolo rende ancora più magico questo luogo simbolo dei monti Sibillini.
Quel che resta del borgo, devastato dal terremoto del 2016, è avvolto dalla coltre bianca, che in parte nasconde le macerie e le profonde ferite inferte dal sisma.
Castelluccio, come tutta la provincia di Perugia, è “zona rossa” per i contagi di Coronavirus, ma, a quasi 1.500 metri di quota, non c’è nessuno: il silenzio è protagonista assoluto, spezzato solo dal canto degli uccelli.