I cetrioli di mare rilasciano ogni anno escrementi del peso di cinque Torre Eiffel: perché sono così importanti?

Senza gli escrementi dei minuscoli cetrioli di mare molti ecosistemi non sopravvivrebbero e sarebbe la fine delle barriere coralline

MeteoWeb

I cetrioli di mare, quei tubi di carne paffuti che sguazzano sul fondo dell’oceano, hanno un talento che possiamo definire speciale: le creature tubolari producono cacca d’élite, espellendo collettivamente più di 70.000 tonnellate di cacca di sabbia ogni anno. E la stima non è stata fatta per l’intero globo, ma è quanto ‘producono’ su una singola barriera corallina. E anche quel numero enorme potrebbe in realtà essere una sottostima, secondo un nuovo studio, pubblicato il 2 febbraio sulla rivista Coral Reefs.

Nello studio, gli scienziati hanno studiato i cetrioli di mare che vivono su Heron Island Reef, una barriera corallina di 19 chilometri quadrati con una laguna al centro, situata all’estremità meridionale della Grande barriera corallina australiana. L’equipe di ricercatori ha utilizzato i droni per raccogliere riprese video intorno al bordo della laguna, in aree poco profonde della barriera corallina note come ‘appartamenti’, e poi ha contato i cetrioli di mare catturati dalla telecamera. Da questi campioni, hanno estrapolato un dato fondamentale: più di 3 milioni di cetrioli vivono in tutti gli appartamenti della barriera corallina dell’isola di Heron.

In seguito, tornato in laboratorio, il team ha condotto esperimenti di alimentazione con la più abbondante delle specie di cetriolo, il cetriolo di mare nero (Holothuria atra). Hanno così scoperto che un singolo cetriolo di mare defeca circa 1,3 once (38 grammi) di cacca al giorno e quindi produrrebbe circa 30,8 libbre (14 chilogrammi) di cacca all’anno. Quindi, complessivamente, l’esercito di 3 milioni di cetrioli di mare che vivono sulla barriera corallina di Heron Island producono decine di migliaia di tonnellate di cacca ogni anno, poco più della massa di cinque Torri Eiffel, hanno scritto gli autori.

Anche “questa è stata un’enorme sottostima della cacca, perché non abbiamo incluso la laguna della barriera corallina“, ha detto in un tweet l’ autore dello studio Vincent Raoult, ecologo marino presso l’Università di Newcastle . “Immagina su scala globale” quanto escrementi i cetrioli di mare scarichino nei loro ecosistemi locali, ha aggiunto.

Foto di Greg Torda /ARC CENTRE CORAL REEF / Ansa

Ma perché la cacca dei cetrioli di mare dovrebbe essere così importante per l’uomo? I loro escrementi sono fondamentali per la salute degli ecosistemi oceanici, in particolare delle barriere coralline. Come i lombrichi sottomarini, i cetrioli di mare divorano materia organica sul fondo dell’oceano, inclusi minuscoli pezzi di alghe e creature marine, secondo quanto riportato in precedenza da WordsSideKick.com. Il processo di digestione scompone questa materia, rilasciando sottoprodotti benefici che vengono eliminati insieme alla sabbia indigesta che i cetrioli consumano.

Questi sottoprodotti includono il carbonato di calcio, un ingrediente chiave nella formazione dei coralli, e l’ammoniaca, che funge da fertilizzante e promuove la crescita dei coralli. La cacca di cetriolo di mare è anche leggermente basica, il che significa che abbassa l’acidità dell’acqua circostante; condizioni meno acide aiutano anche i coralli a formare i loro scheletri di carbonato di calcio, secondo Live Science .

I cetrioli di mare girano i sedimenti, aerandoli e rilasciando sostanze nutritive (cibo) ad altri organismi sulle barriere coralline“, ha detto al’autrice dello studio, Jane Williamson, ecologa marina e biologa della pesca presso la Macquarie University di Sydney. Se i cetrioli di mare non hanno ingoiato e eliminato il sedimento, “questi nutrienti rimangono intrappolati e inutili per altri animali e piante”.

Foto di Alex Hofford / Ansa

Nonostante il loro ruolo importante negli ecosistemi della barriera corallina, la pesca eccessiva minaccia le popolazioni di cetrioli di mare in tutto il mondo. Attualmente, sette specie sono in pericolo e nove sono “soggetti all’estinzione“, secondo una dichiarazione dell’Università di Newcastle. “La riduzione della densità significa che vengono capovolti meno sedimenti“, ha detto Williamson. In altre parole, un minor numero di cetrioli di mare significa meno cacca di cetriolo di mare, e dunque una potenziale minaccia per le barriere coralline.