I 10 peggiori terremoti dell’Australia

La placca indoaustraliana, su cui poggia l’Australia, collide con la placca pacifica ad est e la placca euroasiatica a nord: ecco i 10 terremoti più forti registrati in Australia

MeteoWeb

I terremoti si verificano quando le placche tettoniche si scontrano le une con le altre. Si potrebbe pensare che l’Australia sia abbastanza al sicuro da questo pericolo, trovandosi al centro di una placca, ma secondo gli esperti, è scossa da circa un piccolo terremoto ogni giorno. La placca indoaustraliana, su cui poggia l’Australia, collide con la placca pacifica ad est e la placca euroasiatica a nord. Quando queste placche si muovono, vengono spinte da un lato e tirate dall’altro, quindi si accumulano stress all’interno della placca stessa. Quando queste forze diventano abbastanza forti, spezzano la roccia, il che causa le vibrazioni nella terra.

Circa ogni 5 anni, gli stress repressi causano un terremoto di magnitudo pari o superiore a 6. Se l’epicentro del terremoto è ad una profondità bassa ed è sotto una città, può causare danni terribili. Le aree in cui si verificano più spesso terremoti violenti sono le parti sudoccidentali dell’Australia Occidentale, le Flinders Rangers nell’Australia Meridionale e un’ampia area dalla Tasmania al Nuovo Galles del Sud settentrionale.

Ecco i 10 peggiori terremoti che hanno colpito l’Australia in epoca moderna, classificati per costo, magnitudo e danni.

1. Newcastle (Nuovo Galles del Sud): 28 dicembre 1989, magnitudo 5.6

Questo terremoto, uno dei peggiori disastri naturali dell’Australia, ha ucciso 13 persone e ferito altre 160. Ha causato danni per 4 miliardi di dollari a 35.000 case, 147 scuole e 3.000 edifici. Sono stati riportati danni su un’area di 9.000km². La devastazione è stata insolita per una scossa di magnitudo relativamente bassa. Secondo gli esperti, i sedimenti morbidi hanno intensificato la scossa e gli edifici più vecchi non sono riusciti a sostenerne l’intensità.

2. Beachport (Australia Meridionale): 10 maggio 1897, magnitudo 6.5

50 persone sono rimaste ferite in questo terremoto, che ha avuto epicentro al largo della costa tra Beachport e Robe, ma è stato avvertito in tutto il settore meridionale dello stato dell’Australia Meridionale e nel settore sudoccidentale di Victoria. La maggior parte di Beachport e Robe è andata distrutta e anche Kingston e Mount Gambier hanno riportato danni. La terra si è gonfiata in onde e si è fratturata fino ad una profondità di 4 metri. Ad Adelaide, la gente è piombata nel panico e ha riportato ferite mentre si precipitava verso l’uscita degli edifici che oscillavano.

3. Meckering (Australia Occidentale): 14 ottobre 1968, magnitudo 6.5

Questa piccola città, 115km a est di Perth, è stata distrutta dal secondo terremoto più forte registrato in Australia. 20 persone sono rimaste ferite e molti edifici sono stati danneggiati, per un costo di 1,5 milioni di dollari. A Perth, gli edifici oscillavano e i tremori sono stati avvertiti fino a 700km di distanza dall’epicentro. Prima del terremoto, Meckering aveva 51case, 12 aziende e 15 edifici pubblici: solo 16 case e 3 aziende sono sopravvissute alla scossa.

4. Ellalong (Nuovo Galles del Sud): 6 agosto 1994, magnitudo 5.4

5 persone sono rimaste ferite e 1.000 case sono state danneggiate da questo terremoto, che ha colpito il Nuovo Galles del Sud, per 37,2 milioni di dollari in premi assicurativi. 50 hotel e altri edifici hanno riportato seri danni. La scossa è stata la più grande nell’area dal terremoto di Newcastle del 1989.

5. Adelaide (Australia Meridionale): 1 marzo 1954, magnitudo 5.5

I cittadini di Adelaide sono stati svegliati alle 3:45 del mattino dal primo terremoto che ha colpito la città in quasi 100 anni. La scossa ha causato 3 feriti gravi e danneggiato 3.000 edifici, provocando fratture nelle pareti, infrangendo le finestre e facendo crollare i camini, prevalentemente nei sobborghi meridionali. Il costo è stato stimato in 8 milioni di dollari, con 30.00 richieste di risarcimento alle compagnie assicurative (ma molte proprietà non erano assicurate). Poiché Adelaide si trova su argilla pesante e roccia, si ritiene che l’amplificazione dei tremori sia stata ridotta, determinando meno danni di quanto ci si sarebbe normalmente aspettati da un terremoto di questa magnitudo.

6. Warooka (Australia Meridionale): 19 settembre 1902, magnitudo 6.0

Questo disastro, che è il secondo terremoto più grande registrato nell’Australia Meridionale, ha spezzato due vite e danneggiato edifici in pietra e muratura. È stato il primo terremoto in Australia ad avere vittime associate, con due persone che hanno avuto attacchi cardiaci. Solo un piccolo edificio della città ha evitato danni. Donne e bambini correvano per strada, mentre i cavalli si imbizzarrivano e la scena era di rumore indescrivibile e confusione, riporta un giornale locale.

7. Meeberrie (Australia Occidentale): 29 aprile 1941, magnitudo 6.3

Il 5° terremoto più grande dell’Australia ha causato pochi danni quando ha colpito Meeberrie, un’area che allora aveva pochi residenti. Tuttavia, ha fatto esplodere i serbatoi per l’acqua e fratturato il suolo, creando enormi spaccature. Danni minori sono stati riportati anche a Perth, a circa 550km di distanza. Fortunatamente non sono stati registrati feriti.

8. Tennant Creek (Territorio del Nord): 22 gennaio 1988, magnitudo 6.6

3 terremoti di magnitudo maggiore di 6 hanno scosso Tennant Creek in un solo giorno, a circa mezz’ora di distanza l’uno dall’altro. Con magnitudo 6.6, la più grande di queste scosse è considerata il più grande terremoto dell’Australia. Considerando le intensità, i danni sono stati contenuti. I tremori hanno deformato i gasdotti e hanno aperto una scarpata di faglia lunga 35km, con un passo di 2 metri. Due edifici e altre 3 strutture, incluso l’ospedale, sono stati danneggiati, per un costo totale di 2,5 milioni di dollari. Non sono stati riportati feriti.

9. Kalgoorlie-Boulder (Australia occidentale): 20 aprile 2010, magnitudo 5.0

Avvertito fino a 200km dall’epicentro, questo terremoto ha causato grandi danni agli edifici storici di Kalgoorlie-Boulder e ha ferito due persone. La scossa più forte nell’area in 50 anni, ha bloccato temporaneamente le miniere d’oro locali. Alcuni scienziati suggeriscono che potrebbe non essere stato un vero terremoto, ma l’esplosione di una roccia, indotta dall’estrazione in profondità.

10. Cadoux (Australia Occidentale): 2 giugno 1979, magnitudo 6.1

Il secondo terremoto più distruttivo nella storia registrata dell’Australia Occidentale ha ferito una persona e colpito 25 edifici nella città di Cadoux, 165km a nord-est di Perth. Strade, ferrovie, condotti e linee elettriche sono stati danneggiati in un’area di circa 4 ettari per un costo totale di 3,8 milioni di dollari. Sulla superficie della Terra si è aperta una faglia lunga 15km. Solo 12 terremoti nella storia moderna dell’Australia hanno causato la rottura del suolo.