Maltempo: dal Consiglio dei Ministri provvedimenti per lo stato d’emergenza

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi, ha deliberato la dichiarazione dello stato di emergenza per alcuni eventi meteorologici che hanno colpito il Paese

MeteoWeb

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi, ha deliberato la dichiarazione dello stato di emergenza, per dodici mesi, in conseguenza degli eventi meteorologici che si sono verificati nei giorni dal 2 al 4 ottobre 2020 nei comuni di Andalo, di Arco, di Bleggio Superiore, di Bocenago, di Borgo Lares, di Bresimo, di Caderzone Terme, di Caldes, di Carisolo, di Cavedine, di Cavizzana, di Cis, di Comano Terme, di Commezzadura, di Croviana, di Dimaro Folgarida, di Drena, di Dro, di Fiave’, di Giustino, di Ledro, di Livo, di Madruzzo, di Male’, di Massimeno, di Mazzana, di Molveno, di Nago-Torbole, di Ossana, di Peio, di Pellizano, di Pelugo, di Pinzolo, di Porte di Strembo, di Rabbi, di Rumo, di Tenno, di Terzolas, di Tione di Trento, di Tre Ville, di Vallelaghi e di Vermiglio della Provincia autonoma di Trento. Per gli interventi piu’ urgenti, nelle more della valutazione del definitivo impatto degli eventi eccezionali, e’ stato disposto lo stanziamento di 2.650.000 euro a valere sul Fondo per le emergenze nazionali.

La dichiarazione dello stato di emergenza, per tre mesi, in conseguenza delle precipitazioni nevose che si sono verificate nei giorni 4, 5, 6, 27 e 28 dicembre 2020 in parte del territorio della Provincia autonoma di Trento. Per fare fronte ai primi interventi e’ stata stanziata la somma di 8.600.000 euro a valere sul Fondo per le emergenze nazionali; la dichiarazione dello stato di emergenza, per tre mesi, in conseguenza delle precipitazioni nevose che si sono verificate nei giorni dal 2 al 10 gennaio 2021 in parte del territorio della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia. Per far fronte alle esigenze piu’ immediate per la messa in sicurezza della popolazione, e’ stata stanziata la somma di 2.400.000 euro, a valere sul Fondo per le emergenze nazionali; la dichiarazione dello stato di emergenza, per un periodo di tre mesi, in conseguenza delle precipitazioni nevose che si sono verificate nei giorni dal 1° al 10 gennaio 2021 nel territorio dei comuni colpiti delle province di Belluno, di Treviso, di Verona e di Vicenza. Per fare fronte ai fabbisogni piu’ urgenti, e’ stata stanziata la somma di 3.200.000 euro a valere sul Fondo per le emergenze nazionali.

La dichiarazione dello stato di emergenza, per un periodo di tre mesi, in conseguenza delle precipitazioni nevose che si sono verificate nei giorni dal 31 dicembre 2020 all’11 gennaio 2021 in parte del territorio delle province di Lucca e di Pistoia. Per far fronte ai primi interventi e’ stata stanziata la somma di 2.200.000 euro a valere sul Fondo per le emergenze nazionali; la proroga, per dodici mesi, dello stato di emergenza nel territorio dei comuni di Lipari, di Santa Marina Salina e di Malfa dell’arcipelago delle isole Eolie, gia’ deliberato in seguito alle forti mareggiate che si sono verificate nel mese di dicembre 2019.