Meteo, accumuli di neve fino a 3 metri in Campania dopo i blizzard di San Valentino. FOTO e VIDEO dalla Val Fortore

Meteo, gli effetti dei blizzard di San Valentino sull'Appennino campano: contrade dell’Est Beneventano ancora isolate e scuole chiuse anche oggi

/
MeteoWeb

Una stagione, questa 2020/2021, contrassegnata da tempo spesso perturbato, da piogge decisamente sopra la norma su tutta Italia, anche da ricorrenti azioni fredde sulle regioni centro-settentrionali con neve abbondante su molte aree ma, per il medio-basso Adriatico e per il Sud in genere, avara di azioni fredde significative fino a qualche giorno fa. Nel fine settimana trascorso, però, grazie una disposizione meridiana della circolazione sullo scacchiere euro atlantico, è riuscito a innescarsi un flusso di correnti fredde, anzi molto fredde di estrazione artica-continentale con asse che ha puntato direttamente le regioni centro-meridionali. Per di più, sul lato tirrenico sottovento si è formato una bassa pressione abbastanza profonda e relativamente insistente anche per diverse ore, poi in evoluzione verso lo Ionio,  sicché la combinazione tra l’azione depressionaria e il flusso freddo ha dato luogo ad una fase particolarmente perturbata e invernale piuttosto significativa, anche sulle aree italiane meridionali.

Molte sono state le nevicate che hanno interessato il lungo in largo e fino a bassa quota o persino su coste e pianure l’Abruzzo, il Molise, la Campania, la Lucania, la Calabria, anche il Nord della Sicilia nelle battute finali. Tuttavia, la perturbabilità più intensa si è riversata su settori appenninici tra Molise, Daunia e Campania orientale. Su queste aree, le nevicate sono state insistenti per ore e, in alcune fasi, a causa del vento forte da Nordest, anche a carattere di bufera con accumuli eolici significativi. Nel Beneventano, localmente anche nell’Avellinese, nel Campobassano, sui monti della Daunia, nel Foggiano, gli accumuli sopra i 5/600 m sono varianti mediamente tra i 20/25 fino ai 35/40 cm o anche oltre a 7/800 m ma con accumuli eolici su molti tratti medio-alto collinari fino a 2 metri, con enormi difficoltà, da parte dei mezzi spazzaneve, nel riuscire ad aprire varchi. Su queste aree le scuole rimangono chiuse ancora oggi per via dell’isolamento ancora di diverse contrade. Le immagini nella gallery di ieri e il video (nel corso di una bufera domenica di San Valentino) si riferiscono alla Val Fortore, nella provincia nordorientale di Benevento.

Maltempo, gelo e neve al Sud: i blizzard di San Valentino a Baselice, in Val Fortore [VIDEO]