Lutto nel mondo del cinema: addio all’attrice Haya Harareet, l’ultima star vivente di “Ben Hur”

Il mondo del cinema dice addio ad Haya Harareet: morta ad 89 anni l'attrice israeliana, l'ultima star vivente del film Ben Hur

MeteoWeb

Il mondo del cinema piange la scomparsa di Haya Harareet. Attrice israeliana, Haya era l’ultima star ancora vivente di “Ben Hur”, nel quale vestì i panni di Esther, figlia di Simonide, che si innamora del protagonista Giuda Ben-Hur. L’attrice, 89enne, è morta ieri, mercoledì 3 febbraio, nella sua casa nel Buckinghamshire, in Inghilterra. Haya Harareet è morta durante la notte, nel sonno, come spiegato dalla nipote Tamar Tessler, che vive in Israele e che ha precisato anche che le sue ceneri dell’attrice saranno sparse nel suo paese d’origine. Nata ad Haifa il 20 settembre 1931, Haya Harareet fece il suo debutto nel film “Collina 24 risponde”. Fu una delle prime attrici israeliane a fare il suo ingresso ad Hollywood e conquistò il pubblico internazionale grazie a Ben Hur. Dopo aver preso parte a “La pelle che scotta”, nel 1962, si trasferì a Cinecittà e recitò nelle pellicole “Antinea, l’amante della città sepolta” (1961) di Giuseppe Masini ed Edgar G. Ulmer, “La leggenda di Fra Diavolo” (1962) e “L’ultima carica” (1964), gli ultimi due diretti da Leopoldo Savona. La carriera della Harareet, sposata col regista britannico Jack Clayton, morto nel ’95, durò però solo 9 anni: nel 1964, infatti, l’attrice si ritirò dalle scene per apparire poi nei panni di se stessa nel making of sul film Ben Hur, intitolato “Ben-Hur: The Making of an Epic” nel 1993.