La piattaforma di ghiaccio Brunt sull’orlo di spezzarsi? Le immagini satellitari suggeriscono il potenziale per il distacco di molti iceberg

Una nuova frattura, individuata nelle immagini catturate dalle missioni Sentinel di Copernicus, suggerisce il potenziale per il distacco di molteplici iceberg nella piattaforma di ghiaccio Brunt

MeteoWeb

Ad inizio 2019, tutti gli occhi erano puntati sulla piattaforma di ghiaccio Brunt in Antartide, dove sembrava che un enorme iceberg fosse destinato a staccarsi. Quasi due anni dopo, il gigante di ghiaccio sta disperatamente tentando di “aggrapparsi con le unghie e con i denti”, nonostante i dati attuali indichino che sia imminente un distacco. Una nuova frattura, individuata nelle immagini catturate dalle missioni Sentinel di Copernicus, ora suggerisce il potenziale per il distacco di molteplici iceberg.

Per anni, i glaciologi hanno tenuto traccia delle fratture nella piattaforma di ghiaccio Brunt lungo la costa della Terra di Coats, nel Mare di Weddell, in Antartide. Il prolungamento di due fratture principali, separate solo da pochi chilometri, è stato attentamente monitorato dai satelliti. Chasm 1, la grande frattura che corre verso nord dalla parte più meridionale di Brunt, esiste da oltre 25 anni, mentre la frattura Halloween è stata individuata per la prima volta il 31 ottobre 2016. Una frattura più recente, ancora senza nome, è stata notata per la prima volta nelle osservazioni della missione Sentinel-1 di Copernicus a fine 2019, estendendosi recentemente di oltre 20km in lunghezza. I dati satellitari sono stati utilizzati anche per tenere traccia del movimento e misurare la tensione risultante sulla piattaforma di ghiaccio.

Mappa di velocità del ghiaccio nella piattaforma di ghiaccio Brunt e Stancomb-Wills. Contains modified Copernicus Sentinel data (2021), CC BY-SA 3.0 IGO

I dati indicano che l’area della piattaforma di ghiaccio a nord della nuova frattura è la più instabile, con un movimento approssimativo di quasi 5 metri al giorno. La parte centrale ha una velocità media che va da 2 a 2,5 metri al giorno, mentre l’area inferiore suggerisce una zona più stabile della piattaforma di ghiaccio. “Anche se sembrava destinata a staccarsi nel 2019, l’area più a sud-ovest della piattaforma di ghiaccio Brunt ha resistito tenacemente alla separazione. Da allora, i dati di Sentinel-1 indicano che la parte anteriore della piattaforma di ghiaccio ruota in senso orario intorno all’area McDonald Ice Rumples. Nel frattempo, il forte gradiente della velocità del ghiaccio verso il flusso glaciale Stancomb-Wills e la piattaforma di ghiaccio nel nord ha attivato una nuova spaccatura che ora minaccia il rilascio di un secondo grande iceberg, spiega Mark Drinkwater dell’ESA.

Credit: ESA (Data sources: JAXA/University of Bremen/BAS)

Il monitoraggio di routine dai satelliti offre viste senza precedenti degli eventi che avvengono nelle regioni remote e mostra come le piattaforme di ghiaccio stanno rispondendo ai cambiamenti nelle dinamiche del ghiaccio, nelle temperature dell’aria e dell’oceano. Durante i bui mesi invernali in Antartide, le immagini radar sono indispensabili perché, a parte il fatto che l’area sia remota, il radar continua a fornire immagini indipendentemente dal buio. “Con il sistema di monitoraggio Copernicus di oggi, sono molto meglio attrezzati non solo per osservare eventi in località remote come l’Antartide quasi in tempo reale ma, cosa più importante, per trasformare questi dati scientifici in una comprensione teorica dei complessi processi di frattura del ghiaccio”, continua Drinkwater.

La storia mostra che l’ultimo grande evento sulla piattaforma di ghiaccio Brunt è avvenuto nel 1971, quando si è staccata una parte di ghiaccio a nord dell’area conosciuta come McDonald Ice Rumples in quello che sembra trovare replica nella frattura Halloween odierna.