Previsioni Meteo, confermate minacce più fredde dai Balcani sull’Italia a inizio marzo

Previsioni meteo: dopo l'alta pressione a tutto campo tra Centro Ovest Europa e Mediterraneo, via via via l'aria fredda da Est potrebbe minacciare l'Italia. Vediamo l'evoluzione per la prima parte di marzo

MeteoWeb

Sulla base delle varie simulazioni bariche proposte dei centri di calcolo circa le possibili previsioni meteo dopo la fase dichiaratamente anticiclonica che chiuderà questo febbraio 2021, l’evoluzione più probabile, allo stato attuale dei dati, sembrerebbe una progressiva corrosione dell’alta pressione da parte di una circolazione fredda continentale. L’assetto barico di massima, predisporrebbe per circolazione invernale sull’Europa centro-orientale dove andrebbe approfondendosi una saccatura fredda.  Nella sostanza, l’alta pressione, che fino a fine mese si mostrerebbe piuttosto strutturata tra il Mediterraneo settentrionale e l’Europa centrale, ma con buona performance fino all’Est Europa, potrebbe via via spostare i suoi massimi verso i settori britannici e il Mare del Nord, per l’incidenza progressiva di un nucleo di aria fredda che dall’artico baltico-russo, avanzerebbe verso Ovest.

Potrebbe essere una disposizione tale da far confluire lungo il fianco orientale anticiclonico, aria fredda anche verso parte del Mediterraneo centrale o centro-orientale, con possibili influenze anche sul Centro Sud Italia. Tuttavia, secondo le ultime indagini, a creare qualche ostacolo in riferimento a questo disegno di circolazione invernale anche per l’Italia, potrebbe essere una “defaillance” barica vista da diverse simulazioni modellistiche, in prossimità di Gibilterra, Nord Africa, Penisola Iberica meridionale. Si tratterebbe di una circolazione moderatamente depressionaria  frutto di inserimenti atlantici bassi in isolamento verso fine mese su quell’area e che potrebbe divenire semi-stazionaria. Una circolazione moderatamente ciclonica in quel settore, potrebbe fornire alimentazione termo-dinamica all’alta pressione nel frattempo maggiormente potenziata sul Nordovest Europa, ma che potrebbee continuare a tenere una certa radice mediterranea proprio sui settori centro-occidentali del bacino. Insomma, previsioni meteo per scenari un po’ più freddi nel corso della prima parte di marzo, specie nella fase 6/12 del mese, continuano a essere computati nei forecasts modellistici, per di più con spifferi freddi in anticipo anche fra fine febbraio e inizio marzo, sebbene asciutti. Potrebbero esserci anche le condizioni per una certa instabilità di tipo invernale, in particolare sulle regioni centro-meridionali, con qualche nevicata fino a quote collinari tra il 6/7 e l’11/12 marzo, ma alla luce degli ultimi aggiornamenti, quella influenza basso atlantica sui settori estremi occidentali del bacino, rende la previsione di azioni fredda molto più aleatoria.  La redazione di MeteoWeb continuerà monitorare l’evoluzione del tempo nel medio-lungo periodo apportando periodici aggiornamenti.

Per monitorare il maltempo in atto, ecco le migliori pagine della diretta meteo: