Ridurre il sale a tavola abbassa il rischio di malattie cardiovascolari, renali, tumore allo stomaco e osteoporosi

Grazie al programma di riduzione del sale, in Inghilterra si avranno quasi 200.000 adulti in meno con malattie cardiache e 1,64 miliardi di sterline di risparmi sui costi sanitari

MeteoWeb

Secondo una ricerca della Queen Mary University di Londra, il programma di riduzione del sale in Inghilterra porterà a quasi 200.000 adulti in meno che sviluppano malattie cardiache e 1,64 miliardi di sterline di risparmi sui costi sanitari entro il 2050.

Tuttavia, i ricercatori avvertono che il recente stop ai programmi di riduzione del sale sta mettendo in pericolo i potenziali benefici per la salute, dato che l’assunzione di sale rimane significativamente superiore ai livelli raccomandati. L’eccessiva assunzione di sale è fortemente correlata all’aumento della pressione sanguigna e ai maggiori rischi di malattie cardiovascolari, malattie renali, tumore allo stomaco e osteoporosi. L’aumento della pressione sanguigna è responsabile della metà del carico della cardiopatia ischemica e di oltre il 60% degli ictus.

Nel 2003-2010, la Food Standards Agency, in collaborazione con l’industria alimentare, ha stabilito obiettivi di riduzione del sale in oltre 85 categorie di alimenti, che hanno coinvolto la riformulazione degli alimenti trasformati, l’etichettatura dei prodotti e le campagne di sensibilizzazione del pubblico. Di conseguenza, l’assunzione media di sale a livello di popolazione si è ridotta del 15% nel periodo 2000-2011, con il calo attribuito alle aziende alimentari che riformulano i loro prodotti.

La nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Hypertension, ha utilizzato i dati dell’indagine sulla popolazione del 2000-2018 sull’assunzione di sale e i dati sul carico di malattia per proiettare l’impatto del programma di riduzione del sale, scoprendo che:

  • Il programma di riduzione del sale dal 2003 al 2018 in Inghilterra ha ottenuto una riduzione complessiva dell’assunzione di sale di 1 grammo/giorno per adulto, da 9,38 grammi/giorno nel 2000 a 8,38 grammi/giorno nel 2018.
  • Se i livelli di assunzione di sale del 2018 fossero mantenuti, entro il 2050 il programma avrebbe portato a 193.870 adulti in meno che sviluppavano malattie cardiovascolari premature (comprendenti 83.140 casi di cardiopatia ischemica prematura e 110.730 ictus prematuri) e 1,64 miliardi di sterline di risparmi sui costi sanitari per l’adulto popolazione dell’Inghilterra.
  • Se l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomandasse l’assunzione di sale di 5 grammi/giorno entro il 2030 in Inghilterra, questi benefici potrebbero raddoppiare, prevenendo altri 213.880 casi di malattie cardiovascolari premature e ulteriori risparmi sanitari e sociali per il governo britannico di 5,33 miliardi di sterline.

Il ricercatore capo, la professoressa Borislava Mihaylova della Queen Mary University di Londra, ha dichiarato: “I nostri risultati sono sorprendenti a causa dei grandi benefici per la salute che vediamo con un’efficace politica governativa di riduzione del sale nei prodotti alimentari quotidiani. Questi miglioramenti potrebbero essere seriamente messi a repentaglio se la politica viene indebolita. Lo stallo degli sforzi per la riduzione del sale negli ultimi anni sta ora indebolendo i potenziali guadagni di salute della popolazione e sta costando caro al nostro servizio sanitario. Negli ultimi anni, le quantità di sale nelle diete sono rimaste stabili a livelli molto più alti di quelli raccomandati. Se riusciamo a ridurre il nostro apporto di sale ai 5 g raccomandati al giorno, raddoppieremo i benefici per la salute e il risparmio sanitario entro il 2050″.

Il professor Graham MacGregor, professore di medicina cardiovascolare presso la Queen Mary University di Londra e presidente di Action on Salt ha dichiarato: “Questo studio mostra gli enormi benefici per la salute e l’efficacia in termini di costi della graduale riduzione dell’assunzione di sale nel Regno Unito avvenuta tra il 2003 e il 2011. Da allora, l’industria alimentare ha smesso di ridurre le quantità eccessive di sale che aggiungono al nostro cibo (80% del nostro apporto) a causa soprattutto dell’inazione del governo. È giunto il momento che Downing Street adotti misure decisive per costringere l’industria alimentare a conformarsi In caso contrario, molte altre migliaia di persone subiranno ictus e attacchi di cuore non necessari “.

Gli autori affermano che il programma di riduzione del sale in Inghilterra ha avuto molto successo fino al 2011 a causa della pressione del governo sull’industria per ridurre il contenuto di sale, ma che questo è cambiato dal 2011 al 2017 una volta passato sotto il Dipartimento della Salute. Poche delle azioni proposte sono state implementate nell’ambito dell’accordo di responsabilità e il programma non è riuscito a raggiungere gli obiettivi di assunzione di sale raccomandati dal National Institute for Health and Clinical Excellence di 6 grammi/giorno per adulto entro il 2015.

L’industria alimentare nel Regno Unito sta ancora producendo prodotti ad alto contenuto di sale nonostante forti prove che sia tecnologicamente e commercialmente fattibile produrre prodotti a basso contenuto di sale. Per rimettersi in carreggiata, i ricercatori ritengono che il programma trarrà vantaggio da una rigorosa applicazione degli obiettivi di riduzione del sale, ad esempio attraverso la legislazione o sanzioni finanziarie per le aziende alimentari che non si conformano; fissare obiettivi di sale più rigorosi; estendere gli obiettivi relativi al sale al settore fuori casa, che sfugge alle normative e manca dei meccanismi di monitoraggio adeguati.

Nonostante i dati di alta qualità sull’assunzione di sale a livello di popolazione e sul carico di malattie utilizzati, lo studio presenta una serie di limiti. La dimensione del campione per misurare l’escrezione di sodio dalle raccolte di urine delle 24 ore (il modo più accurato per valutare l’assunzione di sale) era piccola. C’è anche una mancanza di dati sull’assunzione di sale nei bambini. Il lungo periodo di studio può presentare un’ulteriore limitazione a causa dell’incertezza nei parametri del modello, delle ipotesi sulla continuità del programma di riduzione del sale e dell’evoluzione delle malattie cardiovascolari e delle tendenze dell’assunzione di sale.