La stagione delle piogge in California inizia un mese dopo rispetto a 60 anni fa: gli incendi aumenteranno sempre di più

La California dovrà pensare ad un piano d'emergenza di lunga durata: la stagione delle piogge arriva sempre più tardi favorendo così vasti incendi

MeteoWeb

L’inizio della stagione delle piogge annuale della California è ormai posticipato: non di verificano più a novembre ma a dicembre, prolungando di quasi un mese la stagione degli incendi sempre più distruttivi dello stato. A questo conclusione è giunta una nuova ricerca, che attualmente non può confermare che la variazione sia connessa al cambiamento climatico, ma i risultati sono coerenti con i modelli climatici che prevedono autunni più secchi per la California, in un clima caldo, come spiegano gli autori.

Gli incendi possono verificarsi in qualsiasi momento in California, ma in genere i roghi si sviluppano da maggio a ottobre, quando lo stato è nella sua stagione secca. L’inizio della stagione delle piogge, storicamente a novembre, pone fine alla stagione degli incendi, dato che le piante diventano troppo umide per bruciare.

La stagione delle piogge della California è iniziata progressivamente più tardi negli ultimi decenni e i climatologi hanno previsto che diventerà sempre più breve con il riscaldamento globale. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato le precipitazioni e i dati meteorologici in California negli ultimi sei decenni. I risultati mostrano che l’inizio ufficiale della stagione delle piogge in California si è ormai assestata a 27 giorni dopo rispetto agli anni ’60, mentre la pioggia che cade si sta concentrando nei mesi di gennaio e febbraio.

Quello che abbiamo dimostrato è che non accadrà in futuro, sta già accadendo“, ha detto Jelena Lukovi, climatologa presso l’Università di Belgrado in Serbia e autrice principale del nuovo studio. “L’inizio della stagione delle piogge è stato progressivamente ritardato dagli anni ’60, e di conseguenza la stagione delle precipitazioni è diventata più breve e più acuta in California“.

Il nuovo studio sulla rivista Geophysical Research Letters di AGU , che pubblica rapporti di grande impatto e formato breve con implicazioni immediate che abbracciano tutte le scienze della Terra e dello spazio, è il primo a quantificare quanto tempo dopo inizierà la stagione delle piogge. I risultati suggeriscono che la stagione degli incendi in California, che è andata progressivamente peggiorando a causa dei cambiamenti climatici causati dall’uomo, durerà ancora più a lungo negli anni a venire e i californiani possono aspettarsi di vedere più incendi divampare nel mese di novembre. Il 2020 è stata la peggiore stagione di incendi della California mai registrata, con quasi 10.000 incendi che hanno bruciato più di 4,2 milioni di acri di terra.

Una stagione secca prolungata significa che c’è una maggiore sovrapposizione tra la stagione degli incendi e l’afflusso dei venti di Santa Ana che portano un clima caldo e secco in California in autunno. Questi venti possono così ‘soffiare’ sulle fiamme degli incendi e aumentare il rischio che gli incendi di fine stagione sfuggano di mano.

“Non si tratta solo di rendere la vegetazione più secca e mantenere tutto il resto uguale“, ha detto Daniel Swain, scienziato del clima presso l’Università della California di Los Angeles, che non è stato coinvolto nello studio. “Stai anche aumentando il numero di opportunità per la coincidenza tra vegetazione estremamente secca e venti estremamente forti“.

Il ritardo nell’inizio della stagione delle piogge è probabilmente dovuto ai cambiamenti nei modelli di circolazione atmosferica che portano le precipitazioni sulla costa occidentale, come precisano gli autori dello studio. Questi ultimi hanno scoperto che il modello di circolazione atmosferica che domina la California durante l’estate si estende fino all’autunno attraverso l’Oceano Pacifico settentrionale. Questo cambiamento sta portando più pioggia negli stati di Washington e Oregon e lasciando la California alta e secca.

I cambiamenti significano che i californiani dovranno pianificare meglio come gestire le risorse idriche e la produzione di energia: una stagione secca più lunga significa che è necessaria più irrigazione per le colture in uno stato già di stress idrico.