‘The beast from the East’: la tempesta di neve che, insieme al lockdown, ha trasformato Londra in una città fantasma [FOTO]

Uno scenario apocalittico per via del lockdown e delle restrizioni, reso ancora più suggestivo dalla neve: le immagini che arrivano oggi da Londra sembrano scene apocalittiche

  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
  • Foto Mario Forgione © MeteoWeb
    Foto Mario Forgione © MeteoWeb
/
MeteoWeb

The beast from the East’ sta trasformando Londra in un paesaggio incantato. Una circolazione glaciale, che giunge fino in Gran Bretagna attraverso un ‘corridoio’ tra l’Artico e la Siberia, sta in queste ore imbiancando la capitare britannica, portando temperature rigide: in pieno giorno, alle 13 di oggi, la temperatura registrata era di 0 gradi. ‘The beast from the East’ è un appuntamento che si ripete con una cadenza di circa due o tre anni, investendo l’Inghilterra per diversi giorni. Londra, in particolare, per la sua posizione geografica nel Paese, in questo periodo presenta le condizioni ideali per forti nevicate. Inoltre, aiutato dalla coda lasciata dalla tempesta Darcy,The beast from the East’ ha trovato ora terreno fertile per una nevicata come non si vedeva da tempo nel centro londinese.

Nelle foto visibili nella gallery scorrevole in alto a corredo dell’articolo è possibile vedere un centro di Londra praticamente deserto, non certo per il clima quanto per via del lockdown, delle restrizioni anti Covid e dunque della conseguente mancanza di turisti. Tanto che proprio la zona turistica sembra quasi una città fantasma, con uno scenario apocalittico, reso ancora più suggestivo dalla neve.