Dante, il vento e i terremoti

Nella Divina Commedia, "in cui vive l'intero mondo di Dante, si parla brevemente anche di terremoti": le informazioni del blog INGVterremoti

MeteoWeb

Oggi è il Dantedì la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri (1265-1321) e quest’anno ha una particolare rilevanza per il 700° dalla morte del sommo poeta. La scelta del giorno non è casuale: il 25 marzo è la data che i dantisti riconoscono come l’inizio del viaggio nell’aldilà descritto letterariamente nella “Divina Commedia”, si legge in un articolo pubblicato sul blog INGVterremoti.

“In quest’opera in cui vive l’intero mondo di Dante si parla brevemente anche di terremoti. Due sono i principali passaggi”:

Finito questo, la buia campagna

tremò sì forte, che dello spavento

la mente di sudore ancor mi bagna.

La terra lagrimosa diede vento,

che balenò una luce vermiglia

la qual mi vinse ciascun sentimento;

e caddi come l’uom che il sonno piglia.”  (Inferno III)

 

Trema forse più giù poco od assai

Ma per vento che in terra di nasconda

Non so come, quassù non tremò mai. (Purgatorio XXI)

Come molti suoi contemporanei, Dante intuitivamente attribuisce il terremoto a venti sotterranei che cercano una via di fuga e non trovandola fanno tremare la superficie. Era un lascito del pensiero aristotelico. Soltanto nei primi anni del ventesimo secolo siamo riusciti a comprendere come si genera un terremoto. Altri cinquant’anni sono stati necessari per chiarire il legame tra i terremoti e i moti delle placche. La sismologia è in effetti una scienza molto giovane“, conclude l’articolo di INGVterremoti.