L’enigma dell’acqua su Marte: il Pianeta Rosso potrebbe nascondere oceani nella crosta

Gli scienziati hanno scoperto che gran parte dell'acqua che Marte ospitava in passato potrebbe essere rimasta nascosta nella crosta del Pianeta Rosso

MeteoWeb

Oceani d’acqua potrebbero essere rimasti sepolti nella crosta di Marte e non essere andati del tutto persi nello Spazio come si è a lungo ritenuto, secondo un nuovo studio.
In precedenza si era scoperto che una volta Marte ospitava molta acqua, in quantità tale da ricoprire la sua intera superficie con un oceano profondo da 100 a 1.500 metri, contenente circa la metà dell’acqua dell’Oceano Atlantico terrestre, ha spiegato la NASA. Poiché c’è vita praticamente ovunque sulla Terra dove c’è acqua, questo assunto apriva alla possibilità che Marte fosse un tempo dimora della vita, e potrebbe ancora esserlo.
Tuttavia, Marte è ora un luogo freddo e arido. In precedenza, gli scienziati pensavano che dopo che il Pianeta Rosso aveva perso il suo campo magnetico protettivo, la radiazione e il vento solare lo avevano privato di gran parte della sua aria e acqua. La quantità di acqua che Marte possiede ancora nella sua atmosfera e il ghiaccio lo coprirebbero solo con uno strato globale di acqua di circa 20-40 metri di spessore.
Recenti scoperte suggeriscono però che Marte non avrebbe potuto perdere tutta la sua acqua nello Spazio. I dati della missione MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile EvolutioN) della NASA e dell’orbiter Mars Express dell’Agenzia Spaziale Europea hanno rivelato che alla velocità con cui l’acqua scompare dall’atmosfera del Pianeta Rosso, Marte avrebbe perso un oceano globale di acqua solo da 3 a 25 metri di profondità nel corso di 4,5 miliardi di anni.

Ora gli scienziati hanno scoperto che gran parte dell’acqua che Marte ospitava in passato potrebbe essere rimasta nascosta nella crosta del Pianeta Rosso, rinchiusa nelle strutture cristalline delle rocce sotto la superficie marziana. I dettagli delle scoperte sono state pubblicate online il 16 marzo su Science.
Utilizzando i dati dei rover e dei veicoli spaziali in orbita attorno a Marte, così come i meteoriti provenienti dal pianeta, i ricercatori hanno sviluppato un modello del Pianeta Rosso stimando con quanta acqua è iniziata la sua storia e quanta potrebbe averne persa nel tempo. I potenziali meccanismi alla base di questa perdita includevano l’acqua persa nello Spazio, oltre all’essere incorporata chimicamente nei minerali.
Un modo in cui gli scienziati stimano quanta acqua Marte ha perso nello Spazio implica l’analisi dei livelli di idrogeno nella sua atmosfera e nelle rocce. Ogni atomo di idrogeno contiene un protone nel suo nucleo, ma alcuni possiedono un neutrone in più, formando un isotopo noto come deuterio. L’idrogeno regolare fuoriesce dalla gravità di un pianeta più facilmente del deuterio più pesante.
Confrontando i livelli di idrogeno più leggero e atomi di deuterio più pesanti in campioni marziani, i ricercatori possono stimare quanto idrogeno regolare potrebbe aver perso nel tempo il Pianeta Rosso. Poiché ogni molecola d’acqua è composta da due atomi di idrogeno e un atomo di ossigeno, queste stime della perdita di idrogeno marziano riflettono quindi quanta acqua è scomparsa, poiché la radiazione solare ha spezzato l’acqua in molecole di idrogeno e ossigeno.
Nel nuovo studio, gli scienziati hanno scoperto che le reazioni chimiche potrebbero aver portato tra il 30% e il 99% dell’acqua che Marte aveva inizialmente a rimanere bloccata nei minerali e sepolta nella crosta del pianeta. L’acqua rimanente si è poi persa nello Spazio, spiegando così i rapporti idrogeno-deuterio osservati su Marte.
I ricercatori hanno quindi suggerito che Marte abbia perso dal 40% al 95% della sua acqua durante il suo periodo Noachiano da circa 4,1 miliardi a 3,7 miliardi di anni fa. Il loro modello ha suggerito che la quantità di acqua sul Pianeta Rosso ha raggiunto i suoi livelli attuali circa 3 miliardi di anni fa.
Le nuove stime della quantità di acqua sepolta sotto la crosta marziana variano ampiamente a causa dell’incertezza sulla velocità con cui Marte ha perso acqua nello Spazio nel lontano passato. Il rover Perseverance della NASA, che è atterrato su Marte a febbraio, potrebbe aiutare a perfezionare queste stime.