Il famoso e antichissimo trucco della memoria di Sherlock Holmes funziona davvero: scoperto qualcosa di inaspettato

Sherlock Holmes utilizza una tecnica che ha avuto origine nell'antica Grecia: i ricercatori hanno scoperto che il metodo funziona davvero

MeteoWeb

Sherlock Holmes ricorda tutto immaginando di immagazzinare informazioni in un “palazzo della memoria“, una tecnica che ha avuto origine nell’antica Grecia. Ora, i ricercatori hanno scoperto che questo metodo funziona davvero per creare ricordi di lunga durata.

Chi utilizza questa tecnica mnemonica, chiamata “tecnica dei loci“, naviga mentalmente in un luogo familiare, come un sentiero (o il palazzo di Holmes). Per ricordare un’informazione, si “lascia cadere” lungo il percorso e successivamente si ritorna sui propri passi e la si raccoglie. Ad esempio, se si ha molta familiarità con Central Park a New York City, si può immaginare di attraversarlo, lasciando cadere la parola “libro” alla Boat House, poi la parola “bottiglia d’acqua” alla curva successiva, quindi la parola “spazio” alla fontana. Quando si vuole ricordare le parole, si immagina di ripercorrere i propri passi.

memoria studiareAllenandosi con questo metodo, i migliori campioni della memoria del mondo possono ricordare immense quantità di informazioni senza ordine, come elenchi di parole, serie di cifre e mazzi di carte, secondo lo studio. I Campionati mondiali di memoria però testano solo la memoria a breve termine e solo una manciata di studi ha esaminato il cervello mentre le persone usano questo metodo per migliorare la memoria.

Siamo rimasti affascinati da come sia possibile una performance della memoria così straordinaria come quella mostrata ai Campionati mondiali di memoria“, ha affermato l’autore principale Isabella Wagner, neuroscienziato cognitivo presso l’Università di Vienna. (Uno dei coautori dello studio, Boris Konrad, ricercatore presso il Donders Institute for Brain, Cognition and Behaviour a Nijmegen, Paesi Bassi, è lui stesso un campione della memoria.)
La tecnica dei loci utilizza luoghi o percorsi ben noti come “impalcatura” o “struttura” per incorporare informazioni nuove e non correlate, ha spiegato Wagner. La combinazione di conoscenza precedente – il percorso familiare – e le nuove informazioni “è molto potente per aumentare la memoria“, ha aggiunto.

Per valutare la tecnica dei loci, Wagner e il suo team hanno arruolato 17 “atleti della memoria”, o campioni che sono stati classificati tra i primi 50 al mondo nelle gare di memoria, e altri 16 che hanno eguagliato gli atleti in caratteristiche come età e intelligenza. I ricercatori hanno effettuato scansioni di risonanza magnetica funzionale (fMRI) del cervello dei partecipanti mentre chiedevano loro di studiare parole casuali su un elenco. Quindi, i ricercatori hanno presentato ai partecipanti tre parole alla volta dall’elenco e hanno chiesto loro di ricordare se le parole erano nello stesso ordine di quelle studiate in precedenza.

memoria studiareNella seconda parte dello studio, hanno arruolato 50 partecipanti che in precedenza non avevano esperienza mnemonica e ne hanno addestrati 17 per 6 settimane a richiamare i ricordi utilizzando la tecnica dei loci. Il resto dei partecipanti faceva parte del gruppo di controllo (16 di loro erano “controlli attivi”, il che significava che erano stati addestrati utilizzando un metodo diverso chiamato “allenamento della memoria di lavoro” e 17 erano “controlli passivi”, il che significa che non erano addestrati). Hanno nuovamente scansionato il cervello dei partecipanti con la risonanza magnetica mentre eseguivano gli stessi compiti, sia prima che dopo l’allenamento. I ricercatori hanno anche chiesto ai partecipanti di ricordare quali parole erano nell’elenco 20 minuti e 24 ore dopo le scansioni fMRI.
Il team ha utilizzato questo test per definire i “ricordi deboli” o quelli che potevano essere ricordati dopo 20 minuti ma non dopo 24 ore e i “ricordi durevoli” o quelli che potevano essere ricordati 24 ore dopo. Quattro mesi dopo, i ricercatori hanno riesaminato la capacità dei partecipanti di memorizzare e ricordare le parole.

I risultati dello studio

memoriaCome previsto, i partecipanti hanno mostrato una memoria migliore e più duratura dopo l’allenamento con la tecnica dei loci che dopo l’allenamento con l’altra tecnica di memoria o senza alcuna tecnica. I partecipanti che si sono allenati con il metodo antico hanno mostrato un aumento significativo dei ricordi durevoli, ma non un cambiamento significativo nei ricordi deboli (o ricordi a breve termine che svanivano dopo 20 minuti), rispetto ai gruppi di controllo.

Dopo 20 minuti, le persone che erano state addestrate con la tecnica dei loci ricordavano circa 62 parole della lista, mentre quelle che erano state addestrate con l’altro metodo ne ricordavano 41 e quelle che non lo erano affatto le ricordavano 36. Dopo 24 ore, le persone che sono state addestrate con la tecnica dei loci hanno ricordato circa 56 parole, contro 30 e 21 nei gruppi di controllo, rispettivamente.
Quattro mesi dopo, le persone che erano state addestrate con la tecnica dei loci potevano ricordare circa 50 parole, contro 30 e 27 nei gruppi di controllo, rispettivamente. Inoltre, i campioni mondiali della memoria e i partecipanti che si sono allenati con la tecnica dei loci hanno mostrato un’attività cerebrale simile mentre memorizzavano elenchi di parole.

Il team ha anche scoperto qualcosa di inaspettato: mentre sia i campioni del mondo che i partecipanti stavano partecipando a questi compiti, l’attività nel loro cervello è diminuita nelle regioni tipicamente coinvolte nell’elaborazione della memoria e nella memoria a lungo termine, ha spiegato Wagner a Live Science: “E’ stato in qualche modo sorprendente per noi, poiché una migliore prestazione è tipicamente associata a un maggiore coinvolgimento di diverse regioni del cervello“.
In altre parole, hanno scoperto che una minore attivazione cerebrale ha portato a una migliore memoria, il che potrebbe essere dovuto al fatto che la tecnica dei loci spinge il cervello a lavorare in modo più efficiente, ha precisato Wagner. Inoltre, mentre i partecipanti riposavano, coloro che erano stati addestrati con la tecnica dei loci hanno mostrato aumenti nella connettività cerebrale, importante per la memorizzazione della memoria a lungo termine.

Quasi chiunque può imparare a usare la tecnica dei loci, ha detto Wagner: “Ovviamente richiede tempo e pratica regolare e potrebbe quindi non essere adatto a tutti, ma è sicuramente possibile ‘potenziare’ la memoria e raggiungere prestazioni di memoria elevate, o addirittura eccezionali.”

I ricercatori non hanno testato come questo addestramento potrebbe essere applicabile ad altre situazioni, come ricordare cose diverse dalle parole. Né è chiaro se la tecnica potrebbe aiutare ad alleviare il declino cognitivo durante un invecchiamento sano o se potrebbe essere utile per prevenire o rallentare la malattia, ha spiegato Wagner: “Tuttavia, siamo piuttosto entusiasti di questi risultati e si apre un’intera strada di nuove domande che dovrebbero fornire agli studi futuri ampio materiale su cui indagare“, ha concluso.

I risultati sono stati pubblicati mercoledì 3 marzo su Science Advances.