Previsioni Meteo: settimana invernale sull’Italia con piogge e nevicate anche a quote basse

Previsioni meteo: probabilmente la fase più perturbata con piogge e neve più abbondanti dovrebbe andare da metà settimana e verso il weekend. Gli ultimi aggiornamenti con le aree più colpite

MeteoWeb

Si è instaurata oramai sull’Italia una circolazione settentrionale a carattere moderatamente freddo che persisterebbe per tutta la settimana. Fino a giovedì, le previsioni meteo non computano la formazione di minimi dpressionari significativi in prossimità del suolo. Si avrebbero diversi impulsi di aria fredda, soprattutto alle quote medie e alte dell’atmosfera, i quali produrrebbero rovesci sparsi e diffusi su buona parte delle regioni centro-meridionali, in diversi casi anche in forma di rovescio nevoso fino a quote collinari, 500/700 m, occasionalmente anche più in basso. Non si concretizzerebbe, però, fino a metà settimana, una instabilità particolarmente persistente proprio per la mancanza di contributi vorticosi dal basso. Naturalmente potrebbero esserci anche aree più esposte alle correnti instabili e dove, per ragioni orografiche, le precipitazioni potrebbero assumere anche carattere di moderata o forte intensità come, ad esempio, nelle prossime ore notturne e mattutine di domani, sul basso Tirreno, tra la Calabria tirrenica, appenninica e il Nord della Sicilia, ma anche localmente sul medio Adriatico e sui settori appenninici centro-meridionali nel corso dei prossimi due giorni.

Stando alle dinamiche prevalenti, tuttavia, l’azione instabile più importante e associata comunque ad aria fredda, dovrebbe compiersi verso il fine settimana, da venerdì e poi verso il weekend. Sarebbe in questa fase, infatti, che in seguito a un travaso di aria fredda alle quote medio-alte verso il Mediterraneo occidentale, si attiverebbero minimi depressionari più ampi e più profondi sul Centro Ovest bacino, in avanzamento verso la penisola e responsabili di un maltempo invernale più intenso. In termini di tempistica, sulla tabella di marcia sarebbe computata prima un’azione depressionaria sull’Est Europa, tra domani, martedì 16, e mercoledì 17, step 1 in cartina, con aria fredda sulle regioni centro-meridionali e locali nevicate a quote collinari in Appennino, un po’ più alte sui rilievi calabresi e siciliani.  Successivamente, da giovedì, l’azione instabile cambierebbe completamente settore, con minimi che andrebbero approfondendosi intorno alla Sardegna, step 2 in cartina, e quindi possibilità per più piogge e anche per locali nevicate a quote medio-basse sulle regioni centrali, localmente anche settentrionali, specie sul Piemonte, e sulle aree alpine. Più piogge sull’estremo Sud e sulle isole, dove le temperature potrebbero leggermente aumentare, fenomeni più fiacchi sul resto del Sud peninsulare. A seguire, dalla festa del papà, venerdì 19 marzo, San Giuseppe, e poi via via verso il fine settimana dell’equinozio di primavera, entrerebbero in gioco le azioni depressionarie tra il Mediterraneo occidentale poi verso il Sud peninsulare e lo Jonio, con le quali potrebbe arrivare una fase di maltempo su buona parte del Centro Sud, step 3 e 4.  Si tratterebbe di maltempo sempre a carattere invernale, con previsioni meteo per nevicate a quote medio-alte collinari,  localmente a bassa quota sull’Appennino centrale, in alta collina fino all’Appennino calabrese centro-settentrionale; piogge e neve più alta sul resto della Calabria e sulla Sicilia. Nella mappa interna abbiamo rilevato l’anomalia precipitazioni prevista per l’intera settimana fino a domenica 21. Le piogge sarebbero sopra norma sui settori adriatici tutti, su quelli meridionali, localmente anche sulle aree tirreniche, settori colorati in azzurro. Previsioni meteo per piogge più intense sulle aree in verde e poi ancor più su quelle arancio. Piogge nella norma o anche sotto la norma sul resto dei settori. Naturalmente le nevicate più abbondanti a quote medio-basse riguarderebbero, in linea di massima, i settori appenninici centro-meridionali, specie dalle Marche, all’Umbria, al Molise, alla Campania,  Lucania e alla Calabria centro settentrionale.

Per monitorare il maltempo in atto, ecco le migliori pagine della diretta meteo: