La Terra non potrà evitare una tempesta solare entro pochi anni: cambierà le condizioni meteorologiche spaziali influenzando l’economia

Il mondo non è preparato alla tempesta solare inevitabile che potrebbe paralizzare la tecnologia del pianeta e la sua economia

MeteoWeb

Una grande tempesta solare sarà inevitabile: secondo gli esperti non è una questione di ‘se’, ma di ‘quando’, hanno avvertito gli esperti. Il mondo non è preparato al ‘maltempo spaziale’ che potrebbe paralizzare la tecnologia del pianeta e l’economia, per un valore di trilioni di dollari. Ma cosa sta accadendo? Ogni tanto, il Sole rilascia un brillamento solare che, a sua volta, rilascia energia nello spazio. Alcuni di questi brillamenti solari possono raggiungere la Terra, ma per lo più sono innocui per il nostro pianeta. Tuttavia, il Sole può anche rilasciare brillamenti solari così potenti da riuscire a paralizzare la tecnologia della Terra.

Studi precedenti hanno rivelato che il Sole rilascia in media un’eruzione solare estrema ogni 25 anni, con l’ultima a colpire la Terra nel 1989. Questa tempesta ha causato interruzioni di corrente in Quebec (Canada), poiché le rocce conduttive sulla Terra possono trasportare l’energia in eccesso dallo scudo magnetico e iniettarla nella rete nazionale. Inoltre, un’intensa tempesta solare è in grado di abbattere i sistemi satellitari, poiché il bombardamento di particelle solari può espandere la magnetosfera terrestre, rendendo difficile la penetrazione dei segnali satellitari. Sebbene sia impossibile prevedere quando e dove possa colpire una grande tempesta solare, è inevitabile che una colpirà il pianeta in futuro.

Pertanto, gli esperti hanno lamentato la mancanza di preparazione per un evento meteorologico spaziale estremo, avvertendo che potrebbe costare miliardi e causare panico diffuso. La società di consulenza sui rischi Drayton Tyler ha dichiarato: “Una super tempesta solare è un evento del tipo quando, non se. Nella peggiore delle ipotesi, i costi diretti e indiretti potrebbero ammontare a trilioni di dollari, con un tempo di recupero dell’investimento di anni anziché di mesi“. “La Royal Academy of Engineering del Regno Unito stima che la probabilità che si verifichi un evento di questa portata è una su dieci in ogni decennio“.

Drayton Tyler ha invitato i governi di tutto il mondo a pianificare quando accadrà l’inevitabile. Solo gli Stati Uniti sono semi-preparati al momento, ma il governo potrebbe fare di più, secondo la compagnia. “Gli Stati Uniti si distinguono come il paese con la maggiore esperienza e conoscenza da parte del governo dei rischi coinvolti, dell’importanza della preparazione e dei numerosi vantaggi di rendere disponibili al pubblico informazioni rilevanti”, afferma. “Dietro gli Stati Uniti, il Regno Unito ha eccellenti competenze scientifiche e tecniche ed è supportato da un dipartimento governativo molto attivo, il Ministero delle Imprese, dell’Energia e della Strategia Industriale (BEIS). Tuttavia, data l’entità del rischio, siamo rimasti sorpresi di apprendere che il BEIS non conduce test regolari di un grave evento meteorologico spaziale”.

L’autore del rapporto Henry Dodds ha dichiarato: “Ora facciamo molto affidamento sui satelliti per la navigazione, le comunicazioni e segnali orari precisi per i servizi finanziari. Se i satelliti vengono interrotti, interrompe l’approvvigionamento di cibo e carburante, le transazioni bancarie e persino la capacità del governo di comunicare ciò che sta accadendo. Abbiamo visto in passato che grandi tempeste solari possono far saltare in aria i trasformatori di potenza, ma i rischi di una violenta tempesta solare per le infrastrutture che tutti diamo per scontate, sono ora maggiori di qualsiasi cosa osservata nell’era moderna”.

E ha aggiunto: “I governi e il settore privato devono essere consapevoli di questo problema e assicurarsi di essere adeguatamente preparati. I piani che vengono fatti ora saranno quelli che vengono eseguiti quando sono necessari. E’ necessario renderli efficaci ed efficienti”.