Assolto il giornalista denunciato da Burioni per la polemica sui vaccini, aveva detto: “È legato a interessi economici”

Gabriele Ansaloni è stato assolto dal tribunale di Bologna dall'accusa di diffamazione nei confronti di Burioni: lo aveva accusato di "ricerca di protagonismo e di essere 'legato a interessi economici'"

MeteoWeb

Il conduttore e giornalista Gabriele Ansaloni, in arte Red Ronnie, era stato denunciato dal virologo Roberto Burioni con l’accusa di diffamazione. Era imputato per alcune frasi pubblicate su Facebook dopo un dibattito con il professore ordinario di Microbiologia e Virologia del San Raffaele, nella trasmissione ‘Virus’: il 15 maggio 2016, scrisse un testo dove lo accusava di “ricerca di protagonismo e di essere ‘legato a interessi economici‘”. Red Ronnie inoltre riporto’ la mail di una persona che, riferendosi al professore, diceva tra l’altro: “In questo suo ruolo di moralizzatore, nasconde un lapalissiano conflitto di interessi, ossia l’impegno, in campo vaccinale, di tanti suoi brevetti”. Era un periodo in cui si discuteva delle campagne anti-vaccini e Burioni le contestava.

Il processo e’ nato da una denuncia del virologo, annunciata gia’ nel programma tv. Ora Ansaloni e’ stato assolto dal tribunale di Bologna dall’accusa di diffamazione nei confronti di Burioni. Il giudice monocratico Stefano Levoni ha assolto Red Ronnie con la formula perche’ il fatto non costituisce reato. Le motivazioni saranno note entro 90 giorni.

Sin da ora, al di là della notorietà dei protagonisti, è bene chiarire come il punto nodale della sentenza è facile da prevedere: sarà il diritto-dovere di una stampa libera di informare il cittadino nel modo più completo e possibile, soprattutto se si fa riferimento ad argomenti così decisivi come quelli attuali”, commenta l’avvocato Guido Magnisi, difensore di Red Ronnie. “Questo principio – prosegue Magnisi – affermato anche di recente dalla Cassazione, dà finalmente un senso pieno alla professione del giornalista pubblicista: fugare i dubbi, regalare al lettore più chiavi di interpretazione cosciente e consapevole della realtà che così da vicino lo tocca. Tanto più in tempi come questi, dove addirittura si è sostenuto che la scienza, e in genere la conoscenza “non debbono essere democratiche”, ma patrimonio esclusivo di un’elite oligarchica talora autoproclamatasi tale. A suo tempo, si parlò di “congiura dei somari. Ebbene, forse il più grande sociologo del secolo scorso (Niklas Luhmann) certamente non congiurato né somaro, affermò che l’autoreferenzialità è nemica della comunicazione. Oggi si sente il bisogno di scienziati che coniughino umiltà e capacità di farsi comprendere”. In definitiva, “per il giudice di Bologna, i giornalisti hanno un ruolo fondamentale di veicolo delle opinioni, anche discordanti”.