Astronomia: instabilità e caos caotico, così si formano le stelle massicce

Astronomia: le stelle massicce si formano nello stesso modo delle stelle più piccole? Ecco cos'ha scoperto un nuovo studio

Gli astronomi hanno utilizzato l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) per rispondere a una domanda importante sulle stelle. Il quesito è: questi corpi, che sono molto più massicci del nostro Sole si formano nello stesso modo delle stelle più piccole? Gli astronomi hanno osservato stelle ancora in formazione simili in massa al Sole mentre acquisivano materiale dalle nubi di polvere e gas circostanti in tempi relativamente brevi. Le masse di materiale in arrivo formano un disco che orbita attorno alla giovane stella che la alimenta la stella a un ritmo veloce.

Il materiale rimanente all’interno di quel disco orbitante alla fine forma pianeti che rimangono dopo che il processo di crescita della stella è completo. Questo tipo di disco è comunemente osservato intorno a stelle di bassa massa, ma non è stato trovato intorno a stelle molto più massicce nelle prime fasi di formazione. Gli astronomi hanno cercato di capire se il processo che caratterizza le stelle più grandi è simile a quello delle stelle più piccole o è qualcosa di completamente diverso.

L’astronomo Ciriaco Goddi della Radboud University di Nijmegen, nei Paesi Bassi, ha spiegato che il suo team ha utilizzato le osservazioni di ALMA per studiare tre giovani stelle di massa elevata in una regione di formazione stellare nota come W51. Per lo studio, il team ha utilizzato ALMA con l’obiettivo di ottenere immagini dieci volte più nitide rispetto a quanto realizzato da precedenti studi su oggetti del genere.

Gli astronomi hanno indagato l’ipotesi secondo cui dischi grandi e stabili osservati in orbita attorno a stelle giovani più piccole orbitano anche attorno a stelle più massicce. Con l’aiuto di ALMA, i ricercatori si aspettavano di osservare un disco attorno a stelle più massicce, ma invece hanno trovato una zona di alimentazione che sembrava un “caos caotico“. Gli esperti hanno quindi concluso che le stelle massicce nelle primissime fasi assorbono materiale da più direzioni a velocità instabili, il che è molto diverso rispetto a come si formano le stelle più piccole.

Più canali di materiale che entrano nella stella in via di sviluppo probabilmente impediscono la formazione dei dischi grandi e stabili osservati intorno alle stelle più piccole. Gli scienziati non erano esattamente sorpresi di ciò perché questo modello “disordinato” era precedentemente proposto sulla base di simulazioni al computer. I risultati dello studio rappresentano la prima prova osservativa a supporto di quel modello.