Astronomia: 5 sistemi stellari multipli ospitano una zona abitabile, “Kepler-38 il miglior candidato”

"Il nostro miglior candidato per ospitare un mondo potenzialmente abitabile è il sistema binario Kepler-38, a circa 3.970 anni luce dalla Terra"

MeteoWeb

Kepler-34, Kepler-35, Kepler-38, Kepler-64 e Kepler-413 – sistemi stellari multipli situati tra 2.764 e 5.933 anni luce di distanza nelle costellazioni di Lira e Cigno – supportano una zona abitabile permanente, una regione intorno alle stelle in cui l’acqua liquida potrebbe esistere sulla superficie di pianeti simili alla Terra non ancora scoperti, secondo un articolo pubblicato sulla rivista Frontiers in Astronomy and Space Sciences. Di questi sistemi, Kepler-64 è noto per avere al suo centro almeno quattro stelle in orbita tra loro al centro, mentre gli altri hanno due stelle. Tutti sono noti per ospitare almeno un pianeta gigante delle dimensioni di Nettuno o superiore.

È molto probabile che la vita si evolva su pianeti situati all’interno della zona abitabile del loro sistema, proprio come la Terra“, ha affermato il dottor Nikolaos Georgakarakos, astronomo della Divisione di Scienze della New York University di Abu Dhabi. “Abbiamo indagato sull’esistenza di una zona abitabile all’interno di nove sistemi noti con due o più stelle attorno alle quali orbitano pianeti giganti“.
Sappiamo da tempo che i sistemi stellari binari senza pianeti giganti hanno il potenziale per ospitare mondi abitabili“, ha aggiunto il professor Ian Dobbs-Dixon, della New York University di Abu Dhabi. “Quello che abbiamo mostrato nello studio è che in una grande percentuale di quei sistemi i pianeti simili alla Terra possono rimanere abitabili anche in presenza di pianeti giganti“.

esopianetiNel lavoro, gli astronomi hanno studiato gli effetti della binarità stellare e dei pianeti giganti circumbinari sulle zone abitabili di nove sistemi: Kepler-16, Kepler-34, Kepler-35, Kepler-38, Kepler-64, Kepler-413, Kepler- 453, Kepler-1647 e Kepler-1661. Hanno confermato studi precedenti che suggerivano che Kepler-16 e Kepler-1647 non fossero adatti per ospitare un pianeta terrestre all’interno della loro zona abitabile classica.
Al contrario, Kepler-34, Kepler-35, Kepler-38, Kepler-64 e Kepler-413 sembravano più promettenti con Kepler-38 come miglior candidato. Le loro zone abitabili sono larghe tra 0,4-1,5 UA (unità astronomiche) a partire da distanze comprese tra 0,6-2 UA dal centro di massa delle stelle binarie. Kepler-453 e Kepler-1661 si collocano tra le due precedenti categorie di sistemi.

Il nostro miglior candidato per ospitare un mondo potenzialmente abitabile è il sistema binario Kepler-38, a circa 3.970 anni luce dalla Terra, ed è noto per contenere un pianeta delle dimensioni di Nettuno“, ha spiegato il dott. Georgakarakos. “Il nostro studio conferma che anche i sistemi stellari binari con pianeti giganti sono obiettivi sensibili nella ricerca della Terra 2.0. Attento Tatooine, stiamo arrivando!