Clima: a settembre 2020 la seconda estensione di ghiaccio artico piu? bassa dal 1979, ghiacci dell’Antartide nella media nell’estate australe

Clima, "I dati dell’Artico del 2020-2021 confermano ulteriormente che la copertura di ghiaccio marino artico è ben al di sotto di quella che è stata negli anni ’70 e ’80", buone notizie dall'Antartide

MeteoWeb

La quantità di ghiaccio intorno ai poli della Terra cresce e decresce con le stagioni, sciogliendosi in primavera ed estate e crescendo in autunno e inverno. Negli ultimi decenni, c’è stato più declino che crescita, poiché il ghiaccio marino polare è prevalentemente in una fase di declino a lungo termine dall’inizio delle registrazioni satellitari negli anni ’70. In questo articolo, ci sono le mappe che rappresentano i massimi e i minimi annuali raggiunti nel 2020-2021 sia al Polo Nord che al Polo Sud.

I dati dell’Artico del 2020-2021 confermano ulteriormente che la copertura di ghiaccio marino artico è ben al di sotto di quella che è stata negli anni ’70 e ’80. I dati dell’Antartide 2020-2021 svelano una copertura di ghiaccio che è rimbalzata in qualche modo dal suo minimo record del 2017 ma non è neanche lontanamente vicina a tornare alla sua copertura di ghiaccio molto più grande del 2014”, spiega Claire Parkinson, scienziata di ghiaccio marino del Goddard Space Flight Center della NASA.

Artico

1981-2021. NASA Earth Observatory images by Joshua Stevens

Quando il ghiaccio marino artico ha raggiunto la sua estensione minima il 15 settembre 2020, si estendeva solo per 3,74 milioni di chilometri quadrati, il secondo minimo più basso dall’inizio delle registrazioni satellitari nel 1979. Negli ultimi decenni, le stagioni di fusione dell’Artico stanno diventando sempre più lunghe ed è stato perso molto ghiaccio più vecchio e più spesso.

Il massimo annuale dell’inverno è stato meno rilevante. Il ghiaccio ha raggiunto il suo massimo il 21 marzo 2021, con un’estensione di 14,77 milioni di chilometri quadrati, al di sotto della media di 15,64 milioni di chilometri quadrati del 1981-2010. Quello di marzo 2021 è stato il 7° massimo di ghiaccio artico più basso nelle registrazioni satellitari.

Alcuni mari artici hanno fatto peggio di altri. Nel Mare del Labrador, la scarsa copertura di ghiaccio marino in inverno ha creato dei problemi al popolo Inuit, alterando alcune vie che collegano le comunità dell’area. Nel Golfo di Saint Lawrence, la mancanza di ghiaccio marino ha portato i cuccioli di foca a raggrupparsi a terra, dove sono più vulnerabili ai predatori.

Antartide

NASA Earth Observatory images by Joshua Stevens

Il ghiaccio marino antartico ha raggiunto il suo massimo annuale il 18 settembre 2020, quando si estendeva per 18,95 milioni di chilometri quadrati (la media 1981-2020 è di 18,6 milioni di chilometri quadrati). Il 21 febbraio 2021, è stato raggiunto il minimo annuale, con 2,6 milioni di chilometri quadrati, leggermente al di sotto della media di 2,8 milioni di chilometri quadrati del 1981-2010. Ciò che è interessante è che il minimo di fine febbraio è stato seguito da un periodo di rapido congelamento, che ha portato ad aggiungere oltre un milione di chilometri quadrati di ghiaccio marino entro inizio marzo, l’espansione più veloce mai registrata per questo periodo dell’anno.

1981-2021. NASA Earth Observatory images by Joshua Stevens

Ultimamente il ghiaccio marino intorno all’Antartide è stato variabile. Dall’inizio delle registrazioni satellitari alla fine degli anni ’70, la copertura di ghiaccio stagionale è aumentata gradualmente e ha raggiunto il picco con un massimo record nel 2014. Gli anni successivi hanno mostrato un rapido calo, cancellando decenni di aumento. Ci sono stati piccoli rimbalzi negli ultimi anni, ma non si sono mai avvicinati al massimo record.